Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Capodanno al Teatro Argentina

Largo di Torre Argentina 52, Roma
Google+

Teatro Argentina 30 dicembre ore 21,00 e 31 dicembre ore 21,30,1 gennaio ore 19,00.

Dal 30 dicembre sul palcoscenico del Teatro Argentina di Roma versi, prosa e musica si incontrano nell’affascinante gioco dell’amore e dell’inganno con AS YOU LIKE IT la commedia shakespeariana messa in scena con un folto gruppo di attori e cantanti.

Il 31 dicembre dalle ore 21.30 il Teatro Argentina festeggia il Capodanno con spettacolo e brindisi finale per salutare il nuovo anno insieme agli attori e musicisti della compagnia.

Un Capodanno speciale al Teatro Argentina che dal 30 dicembre (ore 21) ospita AS YOU LIKE IT, la commedia pastorale scritta nel 1599 da William Shakespeare, portata sulla scena da un folto gruppo di attori e musicisti nell’allestimento della Compagnia dei Giovani Ar.Tè con la regia curata
da Maurizio Panici e le musiche di Ambrogio Sparagna, eseguite dal vivo dall’Orchestra Giovanile di Musica Popolare. Un affascinante viaggio nella vicenda dell’eroina Rosalinda per uno spettacolo cinico e disincantato sull’esercizio del potere e sulla necessità di trovare un’alternativa ad un mondo corrotto e violento, espressione di una corte crudele dominata dal malaffare.
Il duca Federigo ha costretto il fratello maggiore all’esilio. Solo a Rosalinda, figlia del Duca legittimo, è stato permesso di rimanere a palazzo, per volere della cugina Celia con la quale ha un fortissimo legame. A corte Rosalinda ha modo di conoscere Orlando, e tra loro nasce subito un’intensa passione. I due giovani innamorati sono però costretti a fuggire e a rifugiarsi nella Foresta di Arden, dove vive esiliato il padre di Rosalinda: l’uno, perché maltrattato dal fratello Oliviero che gli nega l’eredità che gli spetta; l’altra, perché bandita da Federigo, e dunque spinta alla fuga travestita da uomo e accompagnata da Celia e dal buffone di corte Paragone. Qui Orlando incontra Rosalinda nelle nuove vesti maschili e, ignorando la sua vera identità, le svela di essere l’autore dei versi d’amore sparsi tra gli alberi della selva e dedicati ad una donna che non riesce a dimenticare.
Nella foresta al legame tra Rosalinda e Orlando fanno da controcanto altre coppie di personaggi. In questo luogo idilliaco per eccellenza, sede ‘ecologica’da contrapporre alla cruda vita sociale, in cui si insinuano non meno aspre, le contraddizioni, i contrasti, i dissidi, tutti gli intrecci trovano il loro scioglimento

«Il doppio che c'è in ognuno di noi, il maschile e il femminile, l’amore e la violenza, il desiderio e il possesso – racconta Maurizio Panici – Ancora una volta il più grande autore di tutti i tempi parla di noi, delle nostre malvagità, del nostro bisogno d'amore, ancora una volta ci racconta le nostre debolezze: e lo fa con quella sapienza che ci trascina, da una scena all'altra, in cerca di un indizio che ci indichi la via d'uscita dalle nostre ossessioni. “As you like it” è una commedia con musiche, così nasce il progetto condiviso con Ambrogio Sparagna: il nostro spettacolo vuole restituire il senso profondo della scrittura, la musica non è cornice ma è protagonista tra i protagonisti, un linguaggio che ha la forza di parlare direttamente al cuore delle persone modificando i percorsi. La musica lenisce la ferita d'amore, accompagna l'allegria e la scoperta, si fa intima con i luoghi del cuore. Un allestimento vivo e pulsante come la vita». 

Per la regia di Maurizio Panici e le musiche di Ambrogio Sparagna eseguite dal vivo dalla sua Orchestra Giovanile di Musica Popolare.

Traduzione e adattamento Maurizio Panici e Alice Spisa. Musiche originali Ambrogio Sparagna eseguite dal vivo dall’Orchestra Giovanile di Musica Popolare con Camilla Alisetta, Sergio Basile, Mauro Bernardi, Andrea Brugnera, Alessandro Federico, Massimiliano Franciosa, Massimiliano Iacolucci, Leonardo Lidi, Rocco Piciulo, Daniele Pilli, Alba Maria Porto, Rocco Rizzo, Annamaria Troisi, musicisti Sandro Paradisi, Giuseppe Copia, Fabio Soriano, Alessia Salvucci 
Scene Tiziano Fario – progetto visivo Andrea Giansanti - costumi Marta Genovese, Valentina Zucchet – 
luci Roberto Rocca. Registi aiuto Marzia G. Lea Pacella - Tiziano Panici

Una produzione Ar.Tè Teatro Stabile d ’Innovazione in collaborazione con La Versiliana Festival.

Sito internet: www.asyoulikeit.tv

INFO BIGLIETTERIA
Ufficio promozione Teatro di Roma : tel. 06.684.000.346 - Fax
06.684000.360 - www.teatrodiroma.net
Biglietteria Teatro Argentina :
tel.06.684.000.311(ore 10-14/15-19 - lunedì riposo)
Orari spettacolo:
30 dicembre ore 21.00 I 31 dicembre ore 21.30
I 1 gennaio ore 19.00
Durata spettacolo: circa 2 ore

Veniteci a trovare
dal 30 dicembre 2013 al 1 gennaio 2014

Info

Località

Roma è la capitale della Repubblica Italiana, nonché capoluogo della provincia di Roma e della regione Lazio; in virtù del suo status di capitale, amministrativamente è un comune speciale. Per antonomasia, è definita l'Urbe e Città eterna.

Con 2 641 930 abitanti è il comune più popoloso d'Italia, mentre con 1.285 km² è il comune più esteso d'Italia e tra le maggiori capitali europee per ampiezza del territorio.

Fondata secondo la tradizione il 21 aprile 753 a.C., nel corso dei suoi tre millenni di storia è stata la prima grande metropoli dell'umanità, cuore di una delle più importanti civiltà antiche, che influenzò la società, la cultura, la lingua, la letteratura, l'arte, l'architettura, la filosofia, la religione, il diritto e i costumi dei secoli successivi. Luogo di origine della lingua latina, fu capitale dell'Impero romano, che estendeva il suo dominio su tutto il bacino del Mediterraneo e gran parte dell'Europa, dello Stato Pontificio, sottoposto al potere temporale dei papi, e del Regno d'Italia (dal 1871).

Nel mondo artistico occidentale vanta una situazione di eminenza che si sviluppa quasi ininterrottamente dal 200 a.C. al 1700 avanzato. Il suo centro storico delimitato dal perimetro delle mura aureliane, sovrapposizione di testimonianze di quasi tre millenni, è espressione del patrimonio storico, artistico e culturale del mondo occidentale europeo e, nel 1980, insieme alle proprietà extraterritoriali della Santa Sede nella città e la basilica di San Paolo fuori le mura, è stato inserito nella lista dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.

Roma, cuore della cristianità cattolica, è l'unica città al mondo a ospitare al proprio interno un intero Stato, l'enclave della Città del Vaticano: per tale motivo è spesso definita capitale di due Stati.

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: