Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

FRENCH FOR RABBITS (New Zealand) + OMAKE 16/11 @ Smart Lab

SMART lab Viale Trento n° 47/49, Rovereto TN, Italia
Google+

FRENCH FOR RABBITS

Dietro al progetto French for Rabbits si nascondono Brooke Singer e John Fitzgerald titolari ed artefici di un folk-pop trasognato e malinconico a metà strada fra i Wye Oak e Alessi's Ark che ha già fatto drizzare le orecchie nientemeno che a Fat Possum.

Coccolati in patria (i nostri vengono da Wellington, NZ) dalle alternative radio locali, che nel 2013 spingono l’EP di debutto “Claimed By The Sea” a conquistare il titolo di ‘Best Folk album’ dell’anno ai New Zeland Music Awards, apprezzati fin da subito in Inghilterra ( i ragazzi hanno Gideon Coe di BBC6 tra i loro grandi ammiratori ), Brooke e John non perdono tempo e si imbarcano in un lungo tour europeo che li vede protagonisti anche di diversi festival come il Secret Garden Party e il Wilderness .

Ma è il 2014 l’anno dei FRENCH FOR RABBITS .

Prima la pubblicazione di un 7” contenente due incredibili singoli inediti, “Goat “e “The Other Side”, poi l’atteso annuncio del primo LP. “Spirits” esce il 28 ottobre per l’ottima etichetta di Portland Lefse Record.

Tutto qui? Assolutmente no. Nemmeno il tempo di svelare i dettagli del nuovo disco che Agnes Obel pretende e ottiene di avere i FRENCH FOR RABBITS, per l’occasione in formazione allargata, come opening act per una ventina di date del suo tour europeo partito da Parigi lo scorso 5 ottobre.

"Calling to mind Beach House and Daughter’s own beguiling melodies" - CONSEQUENCE OF SOUND
"Brooke Singer's sweet, dreamy voice accompanied by the talent of jazz guitarist John Fitzgerald" - WILLOW WOOD MUSIC
"darkly hushed and contemplative folk sound" - IMPOSE MAGAZINE
"timeless folk-pop song that hangs in the balance between the earliest Wye Oak’s sense of affliction and the pure pop spontaneity of female-driven folk acts" - GOING SOLO

OMAKE

OMAKE prende vita nei primi mesi del 2014, scrivendo canzoni in casa sua.
Qualcuno probabilmente parlerà di folk, in quanto usa la chitarra e la voce.
Slegato in realtà da qualsiasi genere, proviene da anni dentro allo scenario punk hardcore del quale ha mantenuto l’approccio alla scrittura e al mondo che lo circonda.

I temi affrontati sono personali, non c’è la pretesa di farsi voce di nessuno se non di sé stesso, e poco anche di quello.
Si parla delle persone (nel bene e nel male), ma anche del fatto che affacciarsi ai 30 anni oggi sia piuttosto complicato.

Il 7" d'esordio si intitola Florida ed è composto da due pezzi a metà strada fra il primo Kozelek e gli American Football di Mike Kinsella, con un occhio ai Gaslight Anthem e uno spirito ancora un po' punk.


"like Scott Walker playing with Sixpence None The Richer and, in the end, absolutely personal" - GOING SOLO
"Due canzoni molto evocative" - ONDAROCK
"un cantautorato dalle tinte folk che colpisce al primo ascolto
" - SON OF MARKETING
"Il braccio sul finestrino di una cadillac d’annata e lo sguardo rivolto verso l’immensità dell’oceano" - RADIO FLO

Veniteci a trovare
il 16 novembre 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: