Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

IL TEATRO COMICO di Carlo Goldoni

Teatro Mancinelli Corso Cavour 122, Orvieto TR, Italia
Google+

Nel 1750 Goldoni rappresenta per la prima volta il Teatro Comico: una intelligente osservazione dei vizi e dei vezzi dei componenti di una comunità teatrale in prova. Oggi, nel 2014, ancora una volta una compagnia “va in prova” e mette in scena quel testo, dando così l’opportunità agli spettatori di osservare capricci, debolezze, comportamenti di un gruppo di attori - una comunità che si fa metafora della società - con le loro preoccupazioni artistiche ma soprattutto economiche e sociali. Goldoni ci regala sorrisi attraverso un’umanità fragile e insicura, di fronte a un tempo che sta cambiando velocemente costringendo tutti i protagonisti a rinnovarsi. Uno spettacolo giocoso che svela i meccanismi della scena teatrale - dove gli attori danno vita ad una scanzonata lezione sull’arte della recitazione - e del palcoscenico del mondo. Nel testo goldoniano, primo esperimento italiano di metateatro, l’autore descrive in forma comica un delicato passaggio culturale nel teatro del ’700, che vede preferire alla Commedia dell’Arte - nella quale gli attori recitavano a soggetto e improvvisando anche in base alla reazione del pubblico - il teatro di carattere, basato su personaggi unici per ogni commedia, dove le battute, scritte e definite dall’autore, devono essere imparate a memoria.

Un progetto di Maurizio Panici
con Anna Charlotte Barbera, Mauro Bernardi, Andrea Brugnera, Renato Campese, Maurizio Panici, Silvia Picciaia, Alessio Renzetti, Rocco Rizzo, Alessia Spinelli
maschere Tiziano Fario
costumi Marta Genovese
luci Roberto Rocca
regia Maurizio Panici
produzione ArTè Teatro Stabile d’Innovazione - Compagnia dei Giovani

Veniteci a trovare
dal 6 al 7 dicembre 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: