Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Al Piccolo di Milano, La cantatrice calva

via Rovello 2, Milano
Google+

Dal 15 al 26 gennaio 2014 al Piccolo Teatro Grassi, “La cantatrice calva”, l'ultimo spettacolo. Ritratto comico-grottesco di famiglia borghese in un interno.

Il Piccolo Teatro di Milano rende omaggio a Massimo Castri a un anno dalla sua morte (21 gennaio 2013): il suo ultimo spettacolo, La cantatrice calva di Eugène Ionesco, un testo che, attraverso le chiacchiere da salotto di due anonime coppie inglesi, svela e denuncia uno sfascio morale sempre attualissimo, è in scena al Teatro Grassi dal 15 al 26 gennaio 2014.

Quando va in scena per la prima volta, nel 1950, La cantatrice calva rivela un autore d’avanguardia, deciso a voltare pagina al teatro canonico, sfuggendo al realismo e ad ogni impianto psicologico, Eugène Ionesco destinato a diventare esponente di rilievo del teatro dell’assurdo. Due anonime coppie inglesi - gli Smith e i Martin – vengono rappresentate come gli archetipi della borghesia. I quattro sono impegnati nelle classiche chiacchiere da salotto, ma hanno perso ogni capacità di comunicare: parlano di banalità, usano frasi convenzionali, non esprimono emozioni o passioni. Le parole svuotate del loro contenuto non rispondono più alla logica per trasformarsi in puro suono. È una riflessione sulla non significanza del linguaggio, sulla frequenza delle ovvietà e dei luoghi comuni che sostanziano le conversazioni quotidiane. Il salotto diviene un luogo simbolo della borghesia, teatro degli scambi e delle relazioni tra interno ed esterno, tra privato e pubblico, diventa un guscio vuoto, una fragile corazza protettiva. Le continue baruffe degli Smith e l'incapacità di riconoscersi dei Martin rivelano rapporti consumati dall'abitudine. Il risultato è una situazione paradossale, comico-grottesca in cui i protagonisti dialogano sul nulla dimostrando una superficialità unita ad una incapacità di pensare e di approfondire che drammaticamente non è affatto lontana dalla nostra realtà.

“La relazione, all'interno della famiglia come nella dimensione sociale”, sono parole di Massimo Castri, “viene privata di un obiettivo, di un senso comune e viene mediata dalle forme cristallizzate delle convenzioni, autosufficienti perché sempre uguali a se stesse, bloccate nella ripetizione. Non c'è sviluppo, non c'è progresso, non c'è vera azione, solo il perpetrarsi eterno di una forma come unica possibilità di sopravvivenza. La ripetizione meccanica”, conclude il regista, “preserva dal definitivo disfacimento eppure, per quanto cerchi di negarlo nella ciclicità, subisce il tempo.

Attraverso gli occhi di Castri sembra di osserva ancora vividamente una divertente e amara parodia della famiglia moderna, assopita in una condizione di incomunicabilità e superficialità, magari davanti a quei talk show in cui regna la non-dialettica urlata.

L’incontro
Sabato 25 gennaio, ore 17.30, nel Chiostro Nina Vinchi (via Rovello 2), la compagnia dello spettacolo incontra il pubblico. Intervengono Giovanna Bellati, Federica Mazzocchi, Alessandro Pontremoli; coordina Annamaria Cascetta. L’incontro è organizzato dal Piccolo Teatro in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.
L’ingresso è libero con prenotazione alla mail comunicazione@piccoloteatromilano.it

Lo spettacolo

Piccolo Teatro Grassi (via Rovello, 2)
dal 15 al 26 gennaio 2014
La cantatrice calva
di Eugène Ionesco
traduzione Gian Renzo Morteo
regia Massimo Castri, in collaborazione con Marco Plini
scene e costumi Claudia Calvaresi
progetto luci Roberto Innocenti
musiche Arturo Annecchino
assistente alla regia Thea Della valle

Personaggi e interpreti
signor Smith Mauro Malinverno
signora Smith Valentina Banci
signor Martin Fabio Mascagni
signora Martin Elisa Cecilia Langone
Mary, la cameriera Sara Zanobbio
il capitano dei pompieri Francesco Borchi

Produzione Teatro Metastasio Stabile della Toscana

Foto di scena Baldassarre Amodeo

Orari: martedì e sabato ore 19.30; mercoledì, giovedì e venerdì ore 20.30; domenica ore 16.00.
Lunedì riposo.

Durata: 70 minuti senza intervallo

Prezzi: platea 33 euro, balconata 26 euro.

Informazioni e prenotazioni 848800304 - www.piccoloteatro.org

Veniteci a trovare
dal 15 al 26 gennaio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: