Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Musica che danza: concerto delle "Mad Emoiselle Sarabande"

piazza Santo Stefano in Ponte 5, Firenze, Italia
Google+

Quattro mani, che si agitano eleganti sui tasti bianchi e neri del pianoforte. Quattro occhi, a leggere le note sullo spartito. Ma quando sono sedute su un panchetto, Carlotta ed Elettra diventano una cosa sola, uno spettacolo che trascende l’esecuzione musicale. Mentre le dita danzano sull’ebano e l’avorio, i polsi si inarcano lasciando piccoli spazi per inserire la mano dell’altra in arabeschi di incastri. Una sorta di danza, che accompagna il flusso della musica con gesti composti e omogenei. 

Le due virtuose pianiste – in arte le “Mad Emoiselle Sarabande” – sono protagoniste del concerto organizzato per venerdì 31 gennaio  2014 dall’associazione OMEGA Musica (www.omegamusica.org) in Santo Stefano al Ponte Vecchio. L’appuntamento è per le ore 21, quando le due pianiste eseguiranno brani di Mozart, Mussorgskij e Ravel.

Una sintonia, quella che porta le “Mad Emoiselle Sarabande” ad affrontare insieme brani impegnativi di musica classica, che affonda le proprie radici negli anni della fanciullezza: Carlotta ed Elettra si sono conosciute prima di compiere 10 anni a lezione di pianoforte. Da quel momento sono diventate inseparabili, condividendo prima le lezioni con Gelsomina D’Atri e poi i concorsi di musica, fino alla scoperta come “duo” a tutti gli effetti. “Le sensazioni provate durante il primo concerto a quattro mani – raccontano di sé – sono state decisive: non si poteva più vivere senza riprovarle”. Ogni volta che sono di fronte alla tastiera dimenticano tutto il resto: comunicano senza voce e attraverso parole inintelligibili e di fantasia, si capiscono, si commuovono all’unisono, rispettano il silenzio di un’emozione senza pensare. Ogni prova, ogni concerto ravviva e alimenta il “vizio” di suonare compatte e vicine.

Fisicamente l’ensemble a quattro mani può essere ingombrante e sgraziato: bisogna avere molta confidenza per stare a contatto gomito a gomito durante le ore di studio, per armonizzarsi e trovare i giusti tempi di scambio e di attesa. Assistere a un loro concerto è bello da vedere, oltre che da ascoltare.

Veniteci a trovare
il 31 gennaio 2014

Info

omega.musica@virgilio.it
338 2566236

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: