Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Uno spettacolo per ricordare la Shoah

Taranto
Google+

A Taranto si ricorda la shoah con “Brundibár”,  il prossimo concerto dell’Orchestra ICO della Magna Grecia, diretta nell’occasione da Francesco Lotoro, che si terrà in occasione della “Giornata della Memoria”  lunedì prossimo, 27 gennaio, al Teatro Orfeo di Taranto.

Il canto, in diverse sue declinazioni, come imperitura testimonianza dell’immane tragedia della Shoah: questo sarà il filo conduttore di Brundibár,un grande evento dal carattere fortemente simbolico realizzato con il sostegno di Programma Sviluppo.

La serata inizierà con “Ricorda cosa ti ha fatto Amalek”, una “cantata” su testi di Grazia Tiritiello con la voce narrante di Angelo De Leonardis e cantore Paolo Candido.

In “Ricorda cosa ti ha fatto Amalek”, liberamente ispirato all’omonimo libro di Alberto Nirenstajn, si ripercorre l’attività di un  gruppo di intellettuali ebrei che, nel ghetto di Varsavia, realizzò il circolo Oneg Shabat (Delizia del Sabato), con la finalità di raccontare la storia della disperata volontà di vita del ghetto e del suo sterminio, perché, se era impossibile sopravvivere, almeno arrivasse ai posteri la memoria.

I testi saranno intramezzati da cinque canti: “Ani Maamin”, un canto tradizionale eseguito dai chassidim lituani mentre venivano condotti alle camere a gas, “Frihling”, con testo di Schmerke Katzerginsky e musica di Antonin Brodna, scritto per la morte di sua moglie Barbara nel Ghetto di Vilna; poi “Tsien Tzikh Makhnes Fartriebene”, un canto anonimo del Ghetto di Vilna, “Elie li” che, con testo di Hannah Sennesh e musica di David Zehavi, fu scritta nel penitenziario militare di Budapest e, infine, “Kinderlekh Kleininke”, un canto del Ghetto di Varsavia di un padre che ha perduto i propri figli.

Nella seconda parte del concerto sarà eseguita “Brundibár”, l’operina musicale per bambini scritta dal compositore Hans Krása su libretto di Adolf Hoffmeister, entrambi ebrei cecoslovacchi; i due composero l’opera nel 1938. Nel 1943 tutti, tranne Hoffmeister rifugiatosi all’estero, si ritrovarono nel campo di concentramento di Theresienstadt: il compositore Krása, lo scenografo Frantisek Zelenka e il personale e i bambini del coro dell'orfanotrofio.

Sul palco l’Orchestra ICO della Magna Grecia, direttore Francesco Lotoro, con il Coro dell’istituto musicale Paisiello diretto dal M° Carmen Fornaro, il Coro dell’Istituto Comprensivo “San Giovanni Bosco” diretto dal M° Roberto Ceci. Paolo Candido sarà Brundibár, Pia Raffaele Pepicek, Federica Altomare Aninka, Imma Riccardi il cane, Valeria Dimaria il gatto, Federica Marotta il passerotto e Angelo De Leonardis il poliziotto.

 

Veniteci a trovare
il 27 gennaio 2014

Info

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: