Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Arturo Martini: “Armonie, figure tra mito e realtà

viale Baccarini 19 , Faenza RA, Italia
Google+

Arturo Martini: “Armonie, figure tra mito e realtà”, MIC, a Faenza.

Continua fino al 30 marzo al MIC di Faenza rimane allestita la seconda tappa dedicata al protagonista della scultura italiana del ‘900.

La figura femminile, il mito e la realtà, questi sono i tre temi su cui si sviluppa la mostra “Arturo Martini - Armonie. Figure tra mito e realtà” che, fino al 30 marzo 2014, è allestita al Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza, realizzata in collaborazione con i Musei Civici di Treviso e a cura di Claudia Casali.

L'esposizione faentina è compresa in un percorso più ampio, realizzato insieme a Genus Bononiae, dedicato alla figura del più importante scultore del Novecento e che ha visto, a Bologna, a Palazzo Fava, fino al 12 gennaio 2014, in mostra "Arturo Martini – Creature. Il Sogno della terracotta" a cura di Nico Stringa.

A Faenza è possibile ammirare una selezione di 58 opere scelte tra capolavori, inediti e opere poco esposte a cui si sono daggiunte da metà gennaio tre grandi terrecotte ("La madre folle", "L'aviatore" e la "Veglia") appartenenti al periodo del canto (1928-1932) straordinario periodo creativo dell'artista ligure.

L’opera di Arturo Martini non è classificabile in uno stile unico. Tutta la sua carriera lo vede mettersi in discussione. E pur non aderendo ad una corrente specifica acquisisce nel primo periodo influenze che vanno dal Liberty alla Secessione, al Cubismo, all'arte popolare e all'Avanguardia russa. Poi si avvicina ai Valori Plastici che furono fondamentali per scoprire l'arte classica antica e in particolare quella etrusca, che lo influenzerà moltissimo negli anni ’30, fino ad arrivare alle ultime riflessioni raccolte nel pamphlet “Scultura lingua morta”, (la prima edizione è del 1945) in cui egli esprime il valore dell’universalità al quale l’arte dovrebbe ambire.

“L’universale è qualcosa che sta fuori della volontà, - scrive Martini - della ragione e soprattutto del contegno (stile); è una specie di inettitudine simile a quella dell’albero che nel nascere, nel crescere è sempre perfetto, è l’universale”.

In mostra sarà così possibile ammirare i pezzi più significativi del suo percorso artistico, pezzi rari, straordinari e poco visti, come le ceramiche Gregorj degli inizi, Gli amanti a cavallo, l’Odalisca, la Maternità e l’inedito Fiaba. Si tratta di opere realizzate con diverse tecniche, maiolica, legno, bronzo, gesso, terracotta che attraversano le tappe più significative della sua poetica.

La mostra non nasce a caso a Faenza. Il Museo Internazionale delle Ceramiche conserva, infatti, nella sua collezione permanente alcune opere tra cui la Trilogia dei Re (1926-28), Le collegiali (1936) e il grande Vaso con Leoni (1911).

Martini, di madre brisighellese, abitò a Faenza nel 1917 per sette mesi. Fu un periodo di riflessione e di travaglio interiore in cui frequentò le famiglie Golfieri e Zauli Naldi, il direttore della Pinacoteca e della scuola di disegno Minardi: Achille Calzi. A Faenza realizzò il battistero della chiesa di Rivalta e un bassorilievo raffigurante “Il battesimo di Cristo” per la chiesa di Sant’Ippolito, poi La Lussuriosa, il Cavallino Innamorato, la Fiaba, elaborazione del mito martiniano del sasso.

Sempre a Faenza Arturo Martini stampò, alla tipografia Lega, il celebre Contemplazioni, un libretto in forma di racconto senza testo, realizzato come un moderno antifonario.
“Dal piccolo formato al monumento, dal bassorilievo alle grandi terrecotte, dal marmo al bronzo, dal legno alla ceramica, dalla xilografia al dipinto, - commenta la curatrice Claudia Casali - con disinvoltura, Martini con i suoi gesti, le sue carezze, le sue trovate geniali, le sue arrabbiature, ha tracciato una via, ha proposto una svolta. Martini è grande ed è commovente nella scelta dell’elemento popolare legato ad una soluzione formale unica, frutto di una gioia creativa senza uguali”.


Arturo Martini. Armonie, figure tra mito e realtà
Curatore: Claudia Casali
Date: 13 ottobre 2013 – 30 marzo 2014
Dove: Faenza, MIC (Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza), 
Apertura: martedì-venerdì ore 10-13.30, sabato-domenica e festivi ore 10-17.30
lunedì chiuso
È possibile prenotare la visita di gruppi al di fuori degli orari indicati
Info: 0546 697311, www.micfaenza.org
Ingresso: intero 8 euro, ridotto 5 euro, gruppi 5 euro
Visite guidate ogni sabato e domenica alle 16
Visite guidate aperitivo ogni venerdì alle 18.

Veniteci a trovare
dal 1 febbraio al 30 marzo 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: