Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Verona Jazz Winter - Giovanni Guidi trio

Verona VR, Italia
Google+

Il 24 febbraio 2014 alle 21 al Teatro  Camploy di Verona (info: 045-693.0001 www.teatroristori.org) conclusione dei tre concerti del Verona Jazz Winter 2014 dedicati ai giovani talenti italiani, con il Giovanni Guidi Trio, al  pianoforte il ventottenne Giovanni Guidi,  contrabbasso Thomas Morgan, batteria João Lobo.  (www.giovanniguidi.net).

 

Questa è la formazione con cui Guidi, vincitore del Top Jazz 2008, ha registrato  City Of Broken Dreams uscito l’anno scorso per  ECM, dove il musicista ha cooptato due giovani come lui, ma di grande esperienza: l’americano Thomas Morgan, bassista prediletto da Paul Motian, nonché collaboratore di Steve Coleman, John Abercrombie, Mark Feldman, Craig Taborn, Jim Black, tra i tanti; e il portoghese João Lobo, richiestissimo batterista, tra i giovani musicisti europei più interessanti. Ambedue hanno giàcollaborato con Guidi, Morgan nei quintetti e Lobo nel quartetto e nella Unknown Rebel Band, tutti documentati nei Cd pubblicati da Cam Jazz.

.

Questo trio  in tour adesso  si muove con estrema libertà tra varie suggestioni e atmosfere, esaltandosi in estroversione e spregiudicatezza, senza perdere di vista però il pensiero melodico, il lirismo e la cantabilità che sono i tratti salienti della personalità del pianista umbro.

 

 

Dicono di lui:

 

"Quando intuisco le doti di un giovane, lo coopto subito. Ma non è altruismo, mi diverto molto a suonarci. Vivendo in divenire ho bisogno di essere sorpreso e Giovanni Guidi è come Stefano Bollani e Gianluca Petrella: mi stupisce ogni volta.

Oggi Giovanni Guidi, malgrado sia ancora giovanissimo, è sicuramente uno dei pianisti italiani più interessanti e originali”

Enrico Rava

 

"Nella Cosmic Band spicca Giovanni Guidi, autore di un intervento mozzafiato, un blues in partenza trasformato in una composizione di metafisica bellezza tra Monk, Tristano e Chopin, in costante tensione narrativa, risolta con leggerezza di tocco e ricchezza di idee."

V. Roggero (Allaboutjazz)

 

"Nonostante l'età, Guidi ha il piglio dei pianisti più navigati; senza remore va diritto al sodo con un pianismo armonicamente raffinato e melodicamente delineato in modo limpido."

A.Gianolio (Musica Jazz)

 

"Il quartetto del giovane Guidi trasformava le composizioni originali contenute nel suo Cd Indian Summer, rivestendole di una nuova energia: uno dei migliori esempi per dimostrare quanto il jazz possa essere ancora vitale."

Federico Scoppio (Musica Jazz)

 

"Guidi è semplicemente uno dei più bei talenti emersi nel jazz italiano negli ultimissimi anni, ed era da tempo che non capitava di ascoltare un esordio di tale maturità."

Sergio Pasquandrea (Jazzit)

 

"Ho ascoltato Giovanni Guidi ad Umbria Jazz e mi ha letteralmente messo al tappeto con la sua personale combinazione di avanzata creatività e naturale ricerca del rischio."

Thomas Conrad (Jazz Times)

 

"...Virtuoso nel senso più ampio e alto del termine, dotato di impressionanti musicalità e versatilità, Guidi sta volando sulle ali di una maturazione vertiginosa quanto prodiga di idee e personalità..."

Paolo Russo (La Repubblica)

 

Giovanni Guidi -viene notato da Enrico Rava, che lo inserisce nel gruppo  Rava Under 21, trasformatosi in seguito in Rava New Generation. Con quest'ultimo

gruppo ha inciso nel 2006 l'omonimo Cd per l'Editoriale l'Espresso. Attualmente oltre alla collaborazione con Rava Quintet e Rava PM Jazz Lab, è membro di Cosmic Band, diretta da Gianluca Petrella, con cui è co-leader

anche di un entusiasmante duo, del quartetto di Roberto Cecchetto ed è leader di propri gruppi. Si è esibito in vari importanti festival: Umbria Jazz, Vicenza New Conversation, Bergamo Jazz, Pomigliano Jazz, Festival MITO, Zurich Nu Jazz, Belgrado Jazz Festival, Stavanger Mai Jazz, Vigo Jazz Festival, North Sea Jazz Festival, San Francisco Jazz Festival, Portland Jazz Festival e al

Birdland di New York. Le sue incisioni: 2006  per etichetta Venus Tomorrow never knows, recensito con  cinque stelle dal mensile Swing Journal. 2007  Indian Summer  per Cam Jazz.  2008 per Cam Jazz, The House Behind This One. 2009 The Unknown Rebel Band   La musica composta da Guidi si muove sui grandi  riferimenti orchestrali degli anni sessanta e settanta, dalla Liberation Music Orchestra,  all’orchestra di Carla Bley e Suite Now” di Max Roach, incrociata e mischiata alla  tradizione popolare, quella italiana ma non solo.  2011 We Don’t Live Here Anymore.

 

Thomas Morgan.  Ha collaborato con artisti del calibro di: David Binney, Steve Coleman, Joey Baron, Paul Motian, Craig Taborn, Mark Feldman, Kenny Werner e John Abercrombie.

 

João Lobo Nato a Lisbona, è uno dei batteristi più richiesti e innovativi della nuova scena jazz europea. Leader di propri gruppi, con il suo drumming raffinato, coloristico e imprevedibile si è imposto collaborando con molti altri giovani talenti, ma anche in seno al gruppo New Generation di Enrico Rava.

Veniteci a trovare
il 24 febbraio 2014

Info

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: