Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

ORAZIO #5 | LA CASA DI CARTA di Lorenzo Piccolo

Teatro Valle Occupato Via del Teatro Valle 21, Roma, Italia
Google+

TEATRO VALLE OCCUPATO

ALTRESISTENZE | ORAZIO

Giovedì 13 marzo duemila14
ore 19.00 aperitivo | ore 19.45 mise en espace

a seguire incontro con l’autore

** LA CASA DI CARTA **
di Lorenzo Piccolo
testo vincitore del premio Riccione “Pier Vittorio Tondelli” 2011

mise en espace a cura di Lorenzo Piccolo
con Alberto Onofrietti, Aurora Peres, Mauro Pescio, Alessandro Quattro, Monica Samassa
direttore di produzione Irene Lamponi

Giovedì 13 marzo prosegue la rassegna “Orazio”, l’appuntamento fisso del Teatro Valle Occupato con la drammaturgia contemporanea, che si apre con un aperitivo, prosegue con la mise en espace di nuovi testi dal mondo e si chiude con un incontro con l’autore, in questo caso Lorenzo Piccolo, che curerà anche la mise en espace.

Dopo Besame Mucho dell’argentino Javier Daulte, Homicide House di Emanuele Aldrovandi, Fiori di Miniera del transilvano Csaba Székely e il francese George Kaplan di Frédéric Sonntag – “Orazio” presenta La Casa di Carta di Lorenzo Piccolo, in una mise en espace a cura dell’autore.

La Casa di Carta è stato premiato come miglior testo di un autore under 30 nell’edizione 2011 del Premio Riccione. Nonostante questo riconoscimento nazionale, a causa anche delle difficoltà che le nuove drammaturgie incontrano nell’inserirsi nel nostro malandato sistema teatrale, quest’opera non ha ancora avuto la possibilità di essere rappresentata. Abbiamo quindi deciso di dare spazio e visibilità al delicato universo familiare raccontato da Lorenzo Piccolo, drammaturgo e attore che fa parte di “CRISI”, il laboratorio di drammaturgia condotto da un anno e mezzo da Fausto Paravidino al Teatro Valle Occupato. Proprio dall’unione tra il gruppo di Crisi, altri artisti ed alcuni occupanti del Teatro Valle Occupato che nasce il progetto Orazio, un’ esperienza unica per dare risalto alla drammaturgia contemporanea e parlare del nostro presente. Il prossimo evento è fissato per il 10 aprile.

La Casa di Carta: Bernardo e Ruggero sono fratelli, gemelli eterozigoti. Hanno un fortissimo attaccamento l’uno per l’altro. Bernardo è autistico, non parla dall’età di tre anni. L’unico con cui ha sviluppato un vero canale di comunicazione, attraverso la scrittura, è Ruggero. Ruggero si innamora di Beatrice e decide di andare via di casa. Il legame si spezza. Bernardo inizia a rifugiarsi sempre più nella scrittura, e un caso fortuito fa sì che inizi a essere pubblicato, che diventi uno scrittore. L’equilibrio della famiglia, già incrinato, viene stravolto del tutto quando Beatrice propone a Bernardo di scrivere un romanzo e inizia ad aiutarlo in questa impresa, per lui dolorosa.

Lorenzo Piccolo nasce nel 1981 a Milano. Si forma come attore presso la Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi, diplomandosi nel 2003. Negli anni successivi lavora con il gruppo Atir, Dionisi Compagnia Teatrale, Compagnia Nut, Effetto Larsen, Luca Ronconi, Accademia degli Artefatti, Cristina Pezzoli, Gabiele Vacis. Ha partecipato all’ Ecole des Maîtres condotta da Rafael Spregelburd. Come autore teatrale è attivo da alcuni anni.

Per informazioni:
stampateatrovalle@gmail.com|oraziotvo@gmail.com | Cristina Brizzi 3282236059

Veniteci a trovare
il 13 marzo 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: