Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Dallo Stretto all'Aspromonte

Reggio Calabria RC, Italia
Google+

Reggio Calabria, nostro punto di partenza, tutta affacciata sul mare, è città moderna e vivace ma anche raccolta e misurata. Le vie sono affollate e la gente è piena di vitalità. La passeggiata più tranquilla è quella sullo splendido Lungomare, definito da D’Annunzio “il più bel chilometro d’Italia”, che si affaccia sullo stretto dei mitici Scilla e Cariddi, dell’Etna e della fata Morgana. In giornate particolarmente serene Messina si riflette sulla riva reggina. Reggio ha anche splendidi monumenti: il Museo Nazionale, tra i più importanti per la raccolta di documenti sulla Magna Grecia, custodisce i Bronzi di Riace del V sec. a.C.. Il Duomo trova le sue origini nel 56 d.C.; da vedere la Cappella del Sacramento, magnifico esempio di barocco. Nella parte alta troviamo il Piccolo Museo San Paolo; l'imponente Castello Aragonese, il bel Teatro Comunale. Sono ancora visibili i resti delle mura greche e quelli delle Terme romane. Solo 23 km ci separano da Scilla, che sorge su una grande roccia, dalla quale veglia il castello che fu residenza dei Rufo. Scilla era una ninfa di rara bellezza, di cui si innamorò il dio del mare Glauco, non corrisposto. Allora chiese l’aiuto della maga Circe, perché preparasse un filtro d’amore ma la grande maga si ingelosì e preparò un terribile veleno. Scilla così venne trasformata in un orribile mostro con sei teste e, per la disperazione si rifugiò in un grande antro. La leggenda dà ancor più bellezza alla rocciosa natura della cittadina, affacciata su uno dei più bei mari del mondo, con stradine che si attorcigliano verso l'alto. Dalla spiaggia, in primavera, si vedono le acque ribollire: sono i pesci spada che si rincorrono in giochi d’amore. Ci dirigiamo ora alla volta di Bagnara Calabra, godendoci il paesaggio con terrazzi di vigne e d'aranci. Bagnara ha solide tradizioni marinare: se arrivate in paese agli inizi dell’estate potete capitare nel bel mezzo della Sagra del Pesce Spada. Intorno ad un “untre”, la barca che veniva usata per la pesca, vengono distribuite fette di pesce arrosto. L'abitato, col porto di memoria bizantina e le viuzze che si inerpicano, è impreziosito da chiese tra cui spicca quella barocca della Confraternita del Carmine. Ancora con la SS 112, ci potremmo concedere una deviazione verso Palmi e Sant’Eufemia d’Aspromonte dove ci si apriranno davanti i paesaggi delle montagne. Qui si potrà acquistare dai contadini la “pietra dei funghi”, un minerale che, posto in un vaso di terracotta, produrrà ottimi funghi. Arrivati a Gambarie, la “Montagna Verde” per la ricchezza di selve, piante e acque, ci dirigeremo verso un fitto bosco, a 7 km dal centro abitato; qui fu ferito dalle truppe italiane Garibaldi, mentre con i suoi uomini puntava su Roma per restituirla all’Italia e qui sorge il Mausoleo dedicato all’eroe dei du

Info

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: