Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

150 km di pedalate sul sentiero della natura e della storia

Malles Venosta BZ, Italia
Google+

Una lunghissima pista ciclabile che attraversa la rigogliosa Val Venosta (Bz), tra fortezze e paesi che hanno scritto la storia della civiltà. Un paradiso per ciclisti, amanti della natura e del benessere. Un'itinerario imperdibile che, agli infaticabili delle due ruote, riserva attenzioni speciali. Il cinque è il numero fortunato nella ruota delle vacanze degli amanti della bicicletta! Il 5 maggio 2005 è stato riattivato il treno attrezzato per il trasporto bici a Malles, il capoluogo della bellissima Alta Val Venosta (Bz). Un’ottima occasione per vivere la natura a suon di pedalate, da gustarsi senza l’assillo del traffico, circondati da scenari mozzafiato. 150 km da percorrere su piste e sentieri ciclabili, asfaltati e non, tutti all’interno del Parco Nazionale dello Stelvio. Panorami straordinari tra verdissime vallate, campi, boschi, frutteti, pittoreschi paesini, ruderi e castelli che testimoniano un passato glorioso delle antiche civiltà carolingia e romanica. Tra gli itinerari più affascinanti quello che dal Passo Resia (il valico che segna il confine con l'Austria), giunge fino a Merano lungo la “Via Claudia Augusta”, la strada romana che congiungeva il Danubio con Altino, l’odierna Venezia. Al passo si arriva costeggiando due laghi, quello naturale di San Valentino e quello artificiale di Resia, in cui emerge fiero il misterioso campanile trecentesco, unico superstite del villaggio di Curon, sacrificato per la costruzione dell’imponente diga.

Info

| 0473.620480 Consorzio Turistico Val Venosta

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: