Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

#Invasione Basilica della Madonna dei Poveri

Seminara (RC) Seminara RC, Italia
Google+

INVASIONI DIGITALI 2014

http://www.invasionidigitali.it/it/invasionedigitale/invasione-basilica-della-madonna-dei-poveri-seminara-rc#.U10IFah_uUY

Ricordati di accendere smartphone, tablet e fotocamere per condividere la tua esperienza sui social media!
Utilizza i seguenti hashtag: #invasionidigitaliseminara #madonnadeipoveri #tourismproject #invasionidigitali

Madonna dei poveri è l'appellativo con cui nell'omonimo Santuario di Seminara, in provincia di Reggio Calabria, si conserva e si venera la millenaria statua recentemente restaurata. Abbandonata sicuramente dai propri cittadini in seguito alle incursioni degli Arabi, si narra che la preziosa statua in legno di cedro bruno sia stata rinvenuta da due giovani pastorelli tra i cespugli di rovi vicino ai quali avevano portato il loro gregge al pascolo. La Madonna Nera venne perciò detta anche Madonna dei Poveri. Il santuario è, inoltre, di interesse architettonico per i motivi circolari che ornano la facciata, i due campanili a cuspide con caratteristici pennacchi ed il protiro innanzi al portale della navata centrale. All’interno, si ammirano le pregevoli decorazioni e diverse opere scultoree, tra cui la statua della Maddalena, quelle dei Santi Pietro e Paolo e il fonte battesimale in argento, tutti databili alla fine del XVI secolo. Due reliquiari, inoltre, custodiscono i resti sacri di San Filareto e di Sant’Elia.

Veniteci a trovare
il 3 maggio 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: