Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

SCREAMADELICA ft OMOSUMO + Sin/Cos ● 13 dicembre ● Circolo degli Artisti

Circolo degli Artisti Via Casilina Vecchia 42, Quartiere VIII Tuscolano, Roma, Italia
Google+

Sabato, 13 Dicembre 2014

SCREAMADELICA presenta:

omosumo

opening act: Sin/Cos

dopo i concerti: SCREAMADELICA djs
alt rock ● indie ● electro ● retro ● classics

Ingresso €5 dalle 21.00

●●●

OMOSUMO
Dopo la pubblicazione di due Ep nel 2013 (“Ci proveremo a non farci male” e “Remixes“), esce il 30 settembre per Malintenti Dischi “Surfin’ Gaza“, il debut album di una band che è già un culto: Omosumo, trio siciliano formato da Angelo Sicurella, Roberto Cammarata (Waines) e Antonio Di Martino (Dimartino). Il disco nasce a cavallo tra il 2013 e il 2014 ed è un chiaro riferimento a quello che accadeva fino a poco tempo fa sulle coste della controversa e dolorosa striscia di Gaza, dove palestinesi e israeliani si ritrovavano insieme per surfare su di un mare che appariva incredibilmente lontano da guerre, scontri di territorio e violenza quotidiana. L’ispirazione arriva dal documentario “God Went Surfing with the Devil” del regista Alexander Klein e dall’attività compiuta sul territorio dall’”Explore Corps and Surfing 4 Peace“, un circolo nato dall’unione del Surf 4 Peace del leggendario surfista ebreo americano Dorian “Doc” Paskowitz e dell’organizzazione giovanile Esplora Corps del californiano Matthew Olsen, con lo scopo di unificare israeliani e palestinesi di Gaza sotto il segno del surfing. Tra le tante storie da raccontare, anche quella del The Gaza Surf Club, un club di surfisti nato nel 2008 e bombardato nel luglio 2014, che è riuscito nell’impresa di far abbracciare a giovani palestinesi le tavole da surf al posto delle armi. Ne danno testimonianza le storie di Mahmoud El Reyashi, Yousef Abo Ghanem e Ibrahim Nehad, raccontate nel documentario di Klein trasmesso dalla BBC. Una fonte di speranza sta nel fatto che molte delle tavole usate dal club sono donate da israeliani ed ebrei, con la convinzione che il surf possa trascendere le barriere nazionali e religiose. La spiaggia di Gaza, dalla quale vengono lanciati missili, è un teatro di atroci rappresaglie che per qualche oscura ragione fino a poco tempo fa si innalzava a luogo libero, dove pensare solo alle onde. Un mare dove abbandonarsi e poter nuotare con dei compagni di viaggio occasionali e non più così diversi. Persone con le quali surfare l’indomani e che forse non si sarebbero riviste mai più.

“Surfin’ Gaza è un album sull’abbandono, sul mare che diventa un altrove, luogo in cui rifugiarsi e lasciarsi andare, dolcemente alla deriva, lontano dalla costa e da tutto ciò che vi sta sopra”.

Registrato e mixato presso gli 800a Studios di Palermo dal sound engineer Francesco Vitaliti e masterizzato da Hannes Jaeckl presso la Home Vasoldsberg, “Surfin’ Gaza” è un disco nato fuori dal frastuono metropolitano, dal centro città e dagli aperitivi, e che risponde ad una precisa esigenza: quella di misurarsi con qualcosa di diverso rispetto a quanto fatto fino ad allora. Così, fin dalle prime sessioni, son venuti fuori ritmi africani, divagazioni desertiche, un linguaggio nuovo per la voce e la chitarra, un basso che andava a cercare i suoi giri nella Sicilia più a sud. Sono stati presi e suonati tutti gli strumenti che c’erano a disposizione: organi, synth, diverse drum machine… cercando di tirar fuori da ciascuno di loro la propria anima più calda e autentica e cercando di dare aria alle melodie, sia vocali che strumentali, del basso e delle chitarre. La voce canta a volte come fosse uno strumento, gli strumenti come fossero delle voci. Anche i testi del disco sono passati attraverso questa esigenza di novità, e per la prima volta, accanto l’italiano, sono entrate lingue come l’inglese e l’arabo. “Surfin’ Gaza” è un album ispirato, notturno e nostalgico.

“L’unica volontà che avevamo sulla scrittura era quella di fare un disco che per primi noi avremmo voluto mettere sul piatto, in ascolto, a casa nostra”.

SIN/COS
Dopo una lunga pausa riflessiva, all’interno della quale ha avuto modo di perfezionare la propria arte culinaria, Maolo Torreggiani (My Awesome Mixtape, Quakers and Mormons) torna alla musica col suo nuovo progetto SIN / COS e l’album PARALALLELOGRAMS, in uscita il 19 febbraio per la propria Anemic Dracula in cordata con Sangue Disken e Collettivo HMCF.
Essere Maolo Torreggiani non deve essere facile. Portatore sano di iperattività creativo-musicale, comincia il suo percorso musicale al liceo, fondando il gruppo emo post-rock Non Compliant Cardia. Finiti gli anni delle interrogazioni di latino e filosofia si lancia immediatamente in un altro fortunato progetto musicale, fondando i My Awesome Mixtape, che lo porta nel giro di un paio di anni a fare più di 400 date tra l’Italia e l’Europa, fino ad arrivare a New York, con la vincita del contest indetto da Mtv. Chiusa l’avventurosa parentesi M.A.M, si apre il capitolo Quakers and Mormons, Hip-hop insolito, scuro, claustrofobico. Un lavoro complesso e maturo. Oggi, deciso a mettersi sempre in gioco, accompagnato da Vittorio Marchetti (Altre di b, Obagevi, osc2x) torna in scena con il nuovo progetto sin / cos: una sinergia perfetta tra elettronica-pop, soul e r’n’b.
Ma la musica non è tutto, ed è per questo che l’eclettico e dinamico Maolo parallelamente ai diversi progetti sonori coltiva costantemente la passione per la cucina, vocazione, questa, che ben presto si concretizza in lavoro. Svariati catering per Estragon, Locomotiv, Karemaski e Interzona, capo cuoco all’Hanabi di Marina di Ravenna e attualmente capo cuoco a Camera A Sud di Bologna, sono solo alcune delle attività che nel corso degli anni ha svolto con creatività e competenza.
Ma non è finita qui. Affascinato da sempre al mondo del cinema, affronta con curiosità e sensibilità la sonorizzazione di film muti. Riassumendo: dieci anni trascorsi, svariati progetti musicali, sei dischi, centinaia di date, migliaia di km macinati in lungo e largo, cucina e cinema. Sì, un classico esempio di iperattività creativa.
Insomma, come dicevamo essere Maolo Torreggiani deve essere dannatamente difficile, ma ciò non toglie che di menti così creative, curiose e fervide, oggi più che mai è solo una grandissima fortuna averle tra noi.

Veniteci a trovare
il 13 dicembre 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: