Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Aurelién Bory - Plexus

Teatro Brancaccio Via Merulana, 244, Rione I Monti, Roma, Italia
Google+

Aurelién Bory - Plexus

Info + Biglietti: http://www.ticketone.it/tickets.html?affiliate=ITF&doc=erdetaila&fun=erdetail&erid=1231289


Le radici in Giappone, dove ha iniziato lo studio della danza classica all'età di 5 anni, la formazione nei linguaggi contemporanei negli Stati Uniti, oggi residente in Europa, con la sua fisicità febbrile, viva e debordante Ito negli ultimi anni ha collaborato con i maggiori creatori della scena internazionale come Angelin Preljocaj, Philippe Découflé, Sidi Larbi Cherkaoui, Gui Cassiers, Alain Platel, che le hanno dedicato ruoli principali nelle loro opere.

Bory insieme a lei crea uno spettacolo fatto di illusionismo e visioni, grazie a semplici elementi scenografici, dove spicca una foresta di fili e corde visibili e invisibili, un uso sapiente e ammaliziato delle luci, così come l'assenza di video e tecnologia digitale.


«Concependo questo ritratto di Kaori Ito - spiega il regista francese - ho usato i mezzi del palcoscenico, partendo dalla rete interna dei nervi e del corpo che può essere il nostro tallone d'Achille, per arrivare allo spazio esterno, per intrecciare una rete di corde e reminiscenze».


In questo universo in sospensione si muove Ito, coautrice della parte coreografica: in PLEXUS, termine che in latino significa treccia, intreccio, Bory decanta il suo teatro fatto di circo e drammaturgia, arti visive, musica, acrobazia, danza. Si rinnova così l'antico rapporto tra artista creatore e artista interprete, dove i ruoli si sovrappongono, si confondono e si intrecciano fino a creare un "Plexus".


Le date

Dal 27 al 30 novembre Roma, Teatro Brancaccio





News aggiornata al 17/07

Veniteci a trovare
dal 27 al 30 novembre 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: