Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Marco Martinelli presenta "Siamo asini o pedanti?"

Caffè Letterario Via A. Diaz 26, Ravenna RA, Italia
Google+

Con Siamo asini o pedanti? (Cue Press) cominciano a delinearsi in modo compiuto i tratti di un nuovo genere letterario: il libro multimediale. Scritto nel 1989 da Marco Martinelli il testo di carta è ora diventato un e-book interattivo con immagini e video, che riconduce alla stagione ‘africana’ del Teatro delle Albe come una sorta di manifesto artistico.
Il libro sarà presentato martedì 16 alle 18.30 al Caffè Letterario di Ravenna da Marco Martinelli con l'editore Mattia Visani e Matteo Cavezzali.

Marco Martinelli è fra i maggiori registi e drammaturghi del teatro italiano, ma il ruolo che più lo descrive è quello di poeta capocomico. Le sue opere nascono infatti dall’interazione e dal rapporto di vicinanza con gli attori del Teatro delle Albe, ensemble fondato nel 1983 insieme a Ermanna Montanari (premio Duse 2013 e tre volte Premio Ubu come «miglior attrice»), Luigi Dadina e Marcella Nonni. In lui e nel teatro delle Albe, Claudio Meldolesi ha visto «un uomo-teatro iperrealista e un collettivo di irriducibili individualità»; mentre l’esperienza di «meticciato teatrale» tra attori italiani e senegalesi (da anni componente stabile della compagnia che fu capitanata da Mandiaye N’Diaye, recentemente scomparso) è stata definita da Franco Quadri come «l’ultima riprova che la fabbrica del teatro africano è in Europa, come già ci avevano ammonito Genet e Brook». Martinelli ha vinto quattro volte il premio Ubu (regia, drammaturgia, pedagogia: 1996, 2007, 2012, 2013), il premio Hystrio «alla regia» (1999), il premio Mess di Sarajevo (miglior regia), il «premio alla carriera» assegnato nel 2009 dal Festival Journées Théatrales de Carthage. I testi di Martinelli sono tradotti e messi in scena in Francia, Belgio, Stati Uniti, Germania, Russia, Romania.

Veniteci a trovare
il 16 dicembre 2014

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: