Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

22 Gennaio / Paolo Saporiti / Showcase

Santeria Milano via Ettore Paladini, 8, Milano, Italia
Google+

”Bisognava dirlo...” è il sesto capitolo discografico di Paolo Saporiti e oggi ce lo presenta in versione acustica.
Questo album conferma il dono del songwriter nel saper scavare senza paura nell‘universo emotivo umano, per restituirne l‘essenza attraverso canzoni di rara bellezza, è così che l‘autore ripercorre e affronta quel mondo intimo e personale che tanto lo ha influenzato.
"Bisognava dirlo...” conta due CD caratterizzati da due produzioni distinte e distanti, seppure affidate alle due persone più vicine al cantante-autore meneghino. Nella prima tasca l’amico e co-produttore Raffaele Abbate di OrangeHomeRecords orchestra quel nugolo di eccellenti musicisti composto da Cristiano Calgagnile, Armando Corsi, Raffaele Kohler, Luca Passavini e Roberto Zanisi. Ne scaturisce un lavoro co-partecipato, “con le orecchie ancora vergini” , per sviluppare poi in improvvisazione la scrittura dei brani.
Il secondo CD è affidato ancora una volta alle cure di Xabier Iriondo (Afterhours). Il polistrumentista italo-basco si riconferma capace di innestare la componente abrasiva meno scontata e spostare l’orizzonte verso una differente, complementare, concezione artistica.
Questo album è ancora una volta un’istantanea del momento vissuto da Saporiti, una traccia e una trama che guardano lontano ai prossimi mesi. “E’ nato come un EP ed è diventato un disco perché amo lasciarmi trasformare dalle cose e trasformarle nel tempo, nel nome della ricerca di una ipotesi di verità”.

Veniteci a trovare
il 22 gennaio 2015

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: