Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Sostieni anche TU la realizzazione dell'Oasi Shere Khan

Rome Rione XV Esquilino, Roma, Italia
Google+

Premessa:
Nel XXI secolo, vi è l’esigenza di superare l’attuale realtà dei canili come luoghi di segregazione e si ha l’esigenza di educare l’uomo al rispetto e all’etologia animale. Molti canili, purtroppo, sono in condizioni veramente pietose ed allarmanti, sono pieni di centinaia di cani che vivono, invecchiano e muoiono all’interno di gabbie piccolissime, una vita vissuta in modo indignitoso per qualsiasi essere vivente.
Viene stimato che solo il 5% dei cani dai 5 (cinque) anni in poi viene adottato, il rimanente 95% è costretto a passare il resto della vita rinchiuso in gabbie piccolissime, a volte in condizioni pessime, nell’illusione e nella speranza che qualcuno possa accorgersi di questi splendidi “invisibili”.

A nostro avviso questi sono dati allarmanti!

Il parco - rifugio “Oasi Shere Khan” è concepito come luogo atto ad ospitare, curare e tutelare gli animali in difficoltà.
Gli animali che, per vari motivi, avranno difficoltà ad essere adottati, diverranno l’anima dell’associazione!
In che modo?
Il progetto “Oasi Shere khan”, altre a dare sostegno e ospitalità agli animali più bisognosi, si propone di inserire in programmi di pet therapy tutti quegli animali che avranno difficoltà ad essere adottati.
I nostri amici “invisibili” saranno un valido ed importante aiuto per la società, contribuendo al benessere dell’uomo.
L’animale, infatti, grazie a programmi di rieducazione, diventerà una figura attiva dal quale ricevere affetto, il co-terapeuta che insieme ad altre figure professionali del settore, aiuterà il paziente ad innescare spontaneamente quei meccanismi di stimolo che possono essere di gioco per i bambini, di stimolo all’attenzione temporanea per gli anziani, i malati e i pazienti depressi. L’associazione Tara Green World, vuole estendere tali benefici, anche ai detenuti delle carceri, per innescare una sensibilizzazione sociale, cercare di creare un “ponte” fra il mondo all’interno delle carceri e il modo esterno, due mondi che raramente si incontrano.

“L’Oasi” è una precisa scelta circa le caratteristiche strutturali e gestionali del futuro ricovero per cani, gatti, cavalli e animali d’affezione e rappresenta una evidente inversione di tendenza.
Un canile non può essere più una desolata struttura in cemento, né un complesso in batteria, ma un luogo in cui prati e alberi prevalgano sul costruito.
L’Oasi Shere Khan è stata ideata da Tara Green World per essere una struttura pienamente fruibile dalla cittadinanza di ogni età, un luogo in cui passare piacevoli momenti di relax.

Perché realizzare L’Oasi Shere Khan?
Molti comuni sono incapaci di gestire il randagismo e appaltano a privati la gestione del canile, pagando una diaria che varia dai 2 (due) ai 7 (sette) euro giornalieri per cane, un giro di denaro che si aggira intorno ai 500 (cinquecento) milioni di euro all’anno. Un canile con 1000 (mille) cani può arrivare ad aggiudicarsi un appalto di 2,5 milioni di euro. Persone senza scrupoli, attirate dalla possibilità di accumulare molto denaro con pochi rischi, hanno costruito sulla gestione dei canili un business. Lasciati operare da istituzioni compiacenti, lucrano sulle sovvenzioni pubbliche raccogliendo centinaia di cani e relegandoli in strutture inadatte dove vivono in spazi angusti e sovraffollati, denutriti e in condizioni sanitarie inadeguate. I controlli sono carenti, i maltrattamenti all’ordine del giorno, le malattie dilagano, la mortalità supera anche il 50% entro il primo anno di ricovero.

La struttura parco – rifugio Oasi Shere Khan avrà crescita modulare!!
Il parco rifugio Oasi Shere Khan sarà fornito di:
Strutture destinate al pubblico con la funzione di collettore culturale per il parco: audiovisivi, libri, mostre, programmi di educazione scolastica alla natura e al rapporto con gli animali.
* la principale alberatura deve avere la relativa documentazione riportata su apposite targhette, percorsi “verdi”
* attività sportive e rieducative (qualsiasi tipo di attività sportiva che possa stimolare e aiutare la relazionare Uomo/Animale)
* area ippica
* tolettatura
* area addestramento/rieducazione/ recupero animali aggressivi
* clinica veterinaria ( banca del sangue)
* ambulanza
* pensione/asilo (per cani e gatti)
* servizio di cremazioni animali/cimitero
* area di Pet Therapy (animali d’affezione che per vari motivi non vengono adottati)
* area di laboratorio eco-zoofilo per i bambini e scuole
* dogsitter & cat-sitter
* percorso aroma terapeutico
* guardie Eco - zoofile
* La struttura deve assolvere più funzioni: dovrà essere munita di un padiglione sanitario, di un padiglione servizi con i magazzini, la cucina, i locali per gli operatori, di un ufficio adozione.
* La struttura sanitaria con centro di sterilizzazioni è fondamentale per una politica seria di lotta al randagismo, è soggetta a differenti tipologie di intervento a seconda dell’impiego e prevedendo operazioni chirurgiche, saranno realizzate aree di degenza specifiche ed eventualmente tratti protetti per la riabilitazione fisica dell’animale.

Il progetto, nasce dall’esigenza di superare la concezione e l’attuale realtà dei canili come luoghi di segregazione e si basa, inoltre, sui seguenti presupposti:

Rispetto delle esigenze etologiche della specie.
Assicurare ai cani l’indispensabile movimento, varietà e socializzazione al fine di evitare una vita
alienante senza che ciò comporti un costante e massiccio lavoro dell’uomo.

Facilitazione e razionalizzazione delle operazioni degli addetti alle pulizie, abbeveramenti, alimentazione ecc).

Piacevolezza del canile in modo da invogliare la sua frequentazione e quindi favorire le adozioni.

Massima possibilità di variazione nell’aggregazione degli alloggi e modularità della struttura.

Progetto moderno ed evoluto che riesca ad essere economicamente competitivo.

Tutt’oggi, il visitatore viene scoraggiato dal frequentare il canile che risulta un luogo fangoso nei mesi invernali, assolato nei mesi estivi, spesso puzzolente, sporco, innaturale per non dire di peggio.
L’oasi, invece, dovrà prevedere percorsi di visita riparati, ben ventilati, su fondo consistente e non sconnesso o fangoso.
Dovranno essere incentivate le visite attraverso campagne specifiche che andranno ad affiancarsi alle campagne affido.
Non di secondaria importanza le visite scolastiche, come del resto richiamato dalla legge 281/91.

L’oasi sarà innanzi tutto, per quanto è possibile, un ambiente naturale: saranno realizzati piccoli prati ben curati, con arbusti e alberi che assicurino effetti benefici soprattutto in estate, quando maggiormente si può soffrire del clima, le zone cementificate saranno ridotte al minimo, il verde sarà curato per evitare che la crescita spontanea e l’erba alta provochino la proliferazione di parassiti (e la manutenzione del verde deve rientrare nei costi di gestione ordinaria del parco canile).

"Grandezza e progresso morale di una Nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali." Gandhi

Sostieni anche TU il Progetto L'OASI SHERE KHAN!!!
ABBIAMO BISOGNO DELLA COLLABORAZIONE DI TUTTI!!!

PUOI DONARE IL TUO CONTRIBUTO tramite bonifico bancario a:
Tara Green World
codice IBAN: IT50 G076 0103 2000 0101 4262 883
POSTE ITALIANE

Donazione Pay Pal accedendo tramite il sito www.taragreen.it

Grazie ANTICIPATAMENTE per il Vostro sostegno!
Staff Tara Green World
Associazione NazionaleTutela Animale & Ricerca Ambientale
Sede legale: Viale Leonardo da Vinci, 55 -53 -51
00145 - Roma (Rm)
web site: www.taragreen.it - email: info@taragreen.it - telefono 06. 45448009

"Grandezza e progresso morale di una Nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali"
Gandhi

Veniteci a trovare
il 13 maggio 2016

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: