Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Isole Tremiti

Foggia FG, Italia
Google+

Le Isole Tremiti, dette anche Diomedee, costituiscono l’unico arcipelago italiano del Mar Adriatico. Vediamo l’origine di entrambi i nomi. Tremiti forse deriva dal fatto che le isole che compongono l’arcipelago siano tre oppure dai terremoti che si sono verificati per molto tempo nel passato. Le diomedee, invece, sono gli uccelli carnivori e oceanici che vivono solo in questa parte d’Italia: secondo il mito le diomedee erano i compagni di Diomede, trasformati in uccelli da Venere, in seguito alla sconfitta subita a Troia, e posti a guardia del sepolcro dell’eroe. E’ forse per questo che, se si presta ascolto ai rumori notturni, sembra giungere da questi uccelli un pianto straziante. Miti a parte, le Tremiti sono costituite da tre isole, San Nicola, San Domino e Capraia, occupano una superficie di appena 3,06 kmq, nell’Adriatico sud-occidentale, in provincia di Foggia. Per raggiungerle le possibilità sono diverse: in motonave e aliscafo da Termoli, dai porti del Gargano e persino dell’Abruzzo. L’escursione alla Tremiti è un’esperienza unica: automobili pressoché inesistenti, ci si muove in barca o a piedi, in un ambiente incontaminato e in un mare da sogno. La maggiore delle tre isole è San Nicola: dallo scalo marittimo si percorrono le strade e si osservano le mura e le torri di difesa, che preannunciano l’arrivo al castello e al torrione, le opere fatte realizzare da Carlo II d’Angiò per i Cistercensi. Si arriva poi all’Abbazia e alla Chiesa di Santa Maria a Mare, di epoca medievale, ma oggetto di diversi interventi di rifacimento. La facciata si presenta tipicamente quattrocentesca, lineare e semplice. All’interno è conservata una croce lignea dipinta, unico esempio della tradizione greco-bizantina in Italia, nota come la Croce Tremitese (XI-XII secolo). Da San Nicola si parte poi alla vota di San Domino, a bordo di uno scafo, dal quale si ammirano le cale e le suggestive scogliere: Punta del Diamante, Grotta del Coccodrillo, Cala degli Inglesi, Grotte del Bue Marino, Scoglio dell’Elefante, Grotta delle Viole. Si giunge poi alla Cala delle Arene, l’unica spiaggia, di sabbia finissima, presente nell’arcipelago delle Tremiti.

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: