Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Nino Ventura - "Archeologie sentimentali - 3.0"

Chiesa di Santa Croce - Piazza Conte Rosso, Avigliana TO, Italia
Google+

Comunicato stampa

Titolo mostra: Archeologie sentimentali – 3.0

Luogo: Chiesa di Santa Croce

Piazza Conte Rosso – 10051 Avigliana (To)

Tipologia: Sculture

Artista: Nino VENTURA

Organizzazione: Associazione culturale “Arte per Voi” - Avigliana (To)

Patrocinio: Regione Piemonte - Città Metropolitana di Torino - Città di Avigliana

Vernissage: sabato 12 settembre 2015 ore 16:00

Durata: da sabato 12 settembre a domenica 4 ottobre 2015

Orario di apertura: sabato e domenica dalle 15:00 alle 20:00

A cura di: Luigi Castagna e-mail: lcastagna@artepervoi.it

e

Giuliana Cusino e-mail: giuli@ilrakueio.it

Sito web: http://artepervoi.it/

Archeologie sentimentali - 3.0

Sospese in un epoca senza tempo, le opere di Ventura raccontano storie passate o annunciano eventi futuri. Cercando un dialogo diretto con il pubblico, suggeriscono possibili interpretazioni e si prestano ad una lettura stratificata che consente, anche allo spettatore più “distratto”, di ricevere emozioni.

E’ come trovarsi in un museo archeologico, nel cuore di un’antica città, nelle sale di un palazzo storico, in una grotta scavata dai pastori nelle montagne.

È come se la materia stessa, nella sua forma strutturata e visibile, raccontasse la sua storia e la storia di quell’umanità che l’ha vissuta e popolata: energia collettiva che si percepisce nei luoghi di culto, nelle feste popolari e nelle opere di questo artista.

Le sculture di Ventura non urlano, non lanciano proclami, non denunciano, non devono dimostrare nulla, non ridono, non piangono, non sono ammiccanti, non sono volgari … le opere di Ventura sussurrano, suggeriscono, rimandano, aprono porte e finestre, ricordano, annunciano … ma lo fanno sempre con la leggerezza della poesia.

La ritualità, l’estetica, la teatralità e l’armonia sono elementi importanti nel lavoro dell'artista e sono l’essenza della ricerca che ha accompagnato la sua produzione fin dalla sua prima esposizione nel 1994.

Ventura cerca un rapporto diretto, una sintonia con lo spettatore, una estetica comune, un background collettivo ed un elemento di comunione che siano in grado di “solleticare” gli strati ancestrali del nostro cervello.

Forme, segni e codificazioni riconoscibili, familiari, un deja vu che si percepisce attraverso la vista ma che si espande coinvolgendo anche tutti gli altri sensi.

Un gioco che, ogni volta, l’artista ripropone con autenticità ed intelligenza. Significati e significanti che si sommano riproponendo all'infinito quel dialogo tra esseri viventi, in una determinata situazione spazio-temporale, che dia un senso all’esistenza ed un'occasione all'immortalità.

“Archeologie Sentimentali - 3.0” propone una nuova serie di lavori, principalmente in terracotta, che hanno la capacità di stupirci. Con gioia creativa, infatti, Ventura riporta in scena i suoi attori, la sua rappresentazione della vita: un luogo dove le nostre storie si intrecciano in un religioso silenzio o nel frastuono dei nostri pensieri.

L’unica avvertenza per lo spettatore è quella di porsi nei confronti dei lavori di Nino Ventura con la giusta disponibilità, affrancandosi dalla necessità di capire, di trovare, di spiegare: unica condizione per “ricevere” ciò che Nino generosamente vuole donarci.

Solo così tutto sarà chiaro e nascerà quel prodigioso momento di silenzio assoluto, quella scintilla che collegherà l’opera al suo osservatore, in uno spazio e in un tempo dove persino l’artista non sarà più presente né necessario.

Virginia Wood

Veniteci a trovare
dal 12 settembre al 4 ottobre 2015

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: