Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

SORGE (Emidio Clementi / Marco Caldera) - Latteria Molloy

Latteria Molloy Via Marziale Ducos, 2/b, Brescia BS, Italia
Google+

EMIDIO CLEMENTI, storico leader dei Massimo Volume, presenta il suo nuovo progetto di musica elettronica, voce e pianoforte: SORGE è un duo con Marco Caldera, da tempo tecnico del suono dei Massimo Volume, nonchè co-produttore artistico di Aspettando i Barbari.

giovedì 31 marzo 2016

★ SORGE ★

⊙ Latteria Molloy
Via Marziale Ducos 2/b, Brescia
(presso La Nave di Harlock)

► APERTURA > h. 20.00 / Inizio spettacolo h. 22:00

♨ FOOD > Al Piano 1 della Latteria dalle ore 20.00 si può mangiare (hamburger, taglieri, insalate, piadine, pizza, patatine)
✉ prenotazioni tavolo: info@latteriamolloy.it

► INGRESSO > 9,00 €
BIGLIETTI DISPONIBILI LA SERA STESSA
PRESSO LA BIGLIETTERIA DEL LOCALE
(non serve più la tessera)

♎ ☂ GUARDAROBA al Piano 1: 2,00 €
________________________________________

Ecco come Clementi racconta la genesi e l’ispirazione del progetto:

“Qualche tempo fa ho ricevuto in regalo il vecchio piano verticale che ingombrava il soggiorno della nonna di mia moglie. L’ho fatto restaurare, l’ho piazzato in studio e per più di un anno sono rimasto a guardarlo, senza osare metterci le mani sopra. Quando finalmente ho iniziato a prendere lezioni, Bruno, il mio giovane insegnante, s’è stupito di quanta soggezione avessi dello strumento, non mi spingevo mai oltre la corretta esecuzione di un esercizio. “Cosa te ne importa di sbagliare? Osa, metti le dita dove non dovresti metterle. Sei o no un musicista?”. Quelle parole sono state il mio piccolo satori. Di colpo ho preso a considerare il piano per quello che è, una possibilità espressiva.
Ho cominciato allora a registrare semplici linee melodiche e a girarle a Marco, il quale si è impegnato ad arricchirle, a dargli una struttura, un ritmo, creando un paesaggio su cui poi sono nati i testi.
E’ stato in quel periodo che, leggendo una vecchia rivista di storia, mi sono imbattuto in Richard Sorge, la spia sovietica impiccata dai giapponesi durante la seconda guerra mondiale. Più che la scaltrezza e il coraggio, di Sorge mi ha colpito la capacità quasi sovrumana di interpretare fino alla morte il ruolo a lui più odioso, quello del nemico nazista.
I pezzi scritti non parlano di lui, ma è come se si muovessero nell’ombra tracciata dalla sua vicenda umana, in quella faglia tra ciò che si è e ciò che la vita ci conduce a essere.”

Veniteci a trovare
il 31 marzo 2016

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: