Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

L'oro di Puglia. L’epopea del grano fra contadini, nobili, mercanti e re - Lezioni di Storia 2016

Biblioteca comunale "Loffredo" piazza castello, Santa Maria, Barletta BT, Italia
Google+

Si terrà martedì 26 aprile 2016, a partire dalle ore 19.00 nella Biblioteca Comunale "Sabino Loffredo" di Barletta l'ultimo appuntamento del ciclo "Lezioni di storia", organizzato a Barletta dall'Associazione del Centro di Studi Normanno-Svevi, in collaborazione con il Comune di Barletta, l'Arcidiocesi di Trani e la Società di Storia Patria per la Puglia - Sezione di Barletta.

Ospite della serata sarà lo storico napoletano Amedeo Feniello, il quale terrà una lezione dal titolo "L'oro di Puglia. L’epopea del grano fra contadini, nobili, mercanti e re".
Il grano di Puglia, dunque, sarà al centro del racconto inedito che Feniello proporrà all'uditorio. Il grano, risorsa della regione e, in particolare, del territorio ofantino e del Tavoliore, è stato per lungo tempo al centro degli interessi di sovrani e mercanti. Sin dai tempi di Federico II, l'oro di Puglia veniva prodotto e scambiato sui principali mercati internazionali, percorreva le rotte del Mediterraneo verso il Nord Europa sulle navi dei mercanti veneziani, ragusei, genovesi, fiorentini. Iconema del paesaggio agrario pugliese, il grano non fu solo risorsa per le classi dirigenti, ma segno tangibile del lavoro dei contadini. Per questo, soprattutto nelle annate di carestia, l'assenza di grano dettava spesso anche i tempi delle rivolte contro i sovrani e i signori, per impedirne i prelievi forzosi. Del grano, e di una vicenda molto particolare della fine del secolo XIV, verrà a parlare Amedeo Feniello, voce notissima della medievistica internazionale e grande divulgatore.

Storico della società e dell’economia medievale, è stato di recente Directeur d’ètudes invité presso l’École des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi e Fulbright Italian Distinguished Chair presso la Northwestern University di Evanston (Chicago) dove ha insegnato Storia del Mediterraneo medievale. Attualmente lavora presso l’Istituto storico italiano per il Medioevo, con sede in Roma.
Ha pubblicato diversi saggi e articoli, tra cui i volumi Napoli 1343. Le origini medievali di un sistema criminale (Mondadori 2015); Dalle lacrime di Sybille, Storia degli uomini che inventarono la banca, Laterza (2013); Sotto il segno del leone. Storia dell’Italia musulmana, Laterza (2011); Napoli. Società ed economia (902-1137), Istituto storico italiano per il Medioevo (2011); Les campagnes napolitaines à la fin du Moyen âge. Mutations d’un paysage rural, École Française de Rome (2005).

Veniteci a trovare
il 26 aprile 2016

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: