Login Sign in ^
English
Registrati
Sign up Weekeep! Find your Facebook friends, organize your travel and visit over 1,000,000 events around the world!
Access with Facebook
Access with Google+
Facebook Google+
X
RESULTS
MAP
DETAIL
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Location
Sleeping
Eating
Best Deals
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PRICE : from € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

NEVERLAND 2016 - La festa del lavoro che non c'è.

CremArena via Dante Alighieri 49, Crema, Province of Cremona, Italy
Google+

#cazzoridi

Hashtag, Latteria Molloy, Il Paniere, La Famiglia No
presentano:

NEVERLAND FESTIVAL 2016.
La festa del lavoro che non c'è.


-----------------------
Domenica 1 maggio 2016.
CREMARENA.
Crema (CR).
-----------------------


| SEDDY MELLORY |

I Seddy Mellory sono una band dall’anima totalmente rock’n'roll. Sonorità che accompagnano testi ironici e divertenti a tratti, espliciti, senza velatura alcuna, a cui si accostano atmosfere più tenebrose, dai toni cupi e amari. Nascono in Italia nel 2005 e hanno all'attivo un EP (LOOKIN' FOR A WILD PIALLA IN THE CLUB COPULA - Kandinsky rec. 2010) e due album (BORIS & BETTY - Tisyn Kyodi rec. 2009 e FAKE AS YOUR MOM'S ORGASM - 2012). La band è nota per live energici e incendiari, portati quà e là sui più importanti palchi del circuto rock'n'roll d'italia e centro europa.

********************************************************

| SILENCE, EXILE & CUNNING |

I SEC si incontrano all’inizio del 2012. L’intento dei quattro è dare vita a un sound in cui possano dialogare le più disparate influenze: una libera commistione di elementi provenienti da differenti gusti musicali che unisce stoner, trip hop, folk, funk ed elettronica a una matrice di carattere indie. Il 4 aprile 2013 hanno pubblicato la prima fatica, un EP intitolato “Exù”, autoprodotto e promosso all’interno di una lunga serie di eventi (circa 80 date) che si è conclusa nel marzo 2015 tra aperture per artisti affermati, concerti in importanti circoli e club, festival e rassegne estive.
Il primo disco “ON” (Hashtag.), che vedrà la luce nel febbraio del 2016 e che è stato prodotto da Marco Torriani, (già attivo nei Verbal, Bangarang! e come musicista per Bugo) è fortemente connesso al contesto live in cui i brani sono nati e sono stati sviluppati. Un album registrato in presa diretta, dunque, e nato dopo una lunga ricerca sonora e musicale.

********************************************************

| DIAFRAMA |

I Diaframma sono uno dei gruppi più rappresentativi della famosa scena fiorentina degli anni ottanta.

Sono arrivati fino ai giorni nostri dopo numerosi cambi di formazione e un temporaneo scioglimento: tuttora l'unico componente rimasto è il cantante, chitarrista e autore Federico Fiumani, perno da sempre della formazione. Da ricordare anche il primo cantante Nicola Vannini e il secondo Miro Sassolini, quest'ultimo voce nei primi tre album della band: Siberia, 3 Volte Lacrime e Boxe.

Dalla darkwave degli esordi, i Diaframma si sono via via orientati verso un punk rock cantautoriale. Durante i vari cambi di formazione, diversi musicisti hanno contribuito alla vita della band, sia in studio che in tour: Gianni Cicchi, Alessandro Raimondi, Renzo Franchi Daniele Trambusti, Alessandro Gerbi, Gianni Cerone, Alessio Riccio, Lorenzo Moretto (batteria), Simone Giuliani (tastiere/cori), Alessandro Gherardi (tastiere), Leandro Cicchi,Leandro Braccini, Guido Melis, Riccardo "Foggy" Biliotti, Lorenzo Alderighi (basso).

********************************************************

| DONKEYSQUAD |

Trio attivo dal 2013 formato da membri che hanno suonato, o suonano tutt'ora, in parecchie band della zona (Animal Boys, Sniperdogs, Blind Tigers, Cock Fighters, Jenny's Joke, Znullz, Gonzo Club...)
PunkRock, Alt-Rock e Post-Hardcore impulsivo, emotivo, gridato e sofferto.
Influenzati da gruppi come Husker Du, Fugazi, Jawbreaker, Hot Water Music, Leatherface, Shellac, Pixies ecc.
A febbraio 2016 esce il primo self-titled EP di 4 pezzi autoprodotto.

In questi anni la band ha avuto il piacere di condividere il palco con gruppi come Plastic Made Sofá e Laura Palmer (AU) oltre che a tante band locali, o non, come Red Car Burns, Low Dérive, Malemute Kid, Marmore, The Nuclears, To Je Zivot, SOCS, The Bad Juju...

********************************************************

| GIORGIO CANALI |


Inizia la carriera musicale verso la fine degli anni settanta come voce di varie band punk locali della scena romagnola. All'inizio degli anni ottanta, con l'avvento di nuove tecnologie elettroniche (come il protocollo MIDI) inizia ad interessarsi alla musica elettronica e da vita, insieme a Roberto Zoli, a diversi progetti musicali che culminano nella fondazione di Politrio e nella pubblicazione del disco Effetto Eisenhower nel 1986. L'approccio al lato più tecnico della musica lo porta a collaborare come tecnico del suono con la PFM e con i Litfiba. Conosce i CCCP Fedeli alla linea nel 1989, durante la tournè congiunta tra questi ultimi e i Litfiba in Unione Sovietica. Entra successivamente a far parte dei CCCP insieme ad altri fuoriusciti dei Litfiba, Gianni Maroccolo e Ringo De Palma. Nel 1990 partecipa come chitarrista e come tecnico del suono all'ultimo disco dei CCCP, Epica Etica Etnica Pathos.

All'inizio degli anni '90, dopo lo scioglimento dei CCCP Fedeli alla linea, si trasferisce quasi stabilmente in Francia. Collabora ai tour dei Noir Désir e produce i tre dischi dei Corman & Tuscadu. Suona anche la chitarra nel secondo album Pestacle.

Nel 1992 fonda il Consorzio Suonatori Indipendenti insieme ad altri ex membri dei CCCP Fedeli alla linea. Nel gruppo affianca alle chitarre lo storico leader e chitarrista dei CCCP, Massimo Zamboni. Durante l'esperienza dei C.S.I. porta avanti anche un proprio progetto solista, che culmina nel disco Che fine ha fatto Lazlotòz del 1998.

Dopo la fine dei C.S.I. e la divisione dei due leader storici, Giovanni Lindo Ferretti e Massimo Zamboni sviluppa ulteriormente il suo progetto solista e raccoglie alcuni dei musicisti che lo avevano affiancato nel tour di Lazlotòz in una formazione stabile, i Rossofuoco, che lo accompagnerà in tutti i dischi successivi.

Dal 2001, parallelamente all'esperienza solista, è inoltre ancora a fianco di Giovanni Lindo Ferretti nei PGR ancora in veste di chitarrista. Da notare che i due collaborano e sono buoni amici pur condividendo pochissimo sul piano delle idee politiche o religiose. Delle controverse prese di posizione da parte di Ferretti, Canali si è peraltro sempre dichiarato poco sorpreso, difendendo anzi la coerenza del cantautore nel corso degli anni.

Dopo i Corman & Tuscadu, negli ultimi anni Canali é tornato diverse volte a ricoprire il ruolo di produttore. Tra i dischi più famosi da lui prodotti ricordiamo l’omonimo esordio dei Verdena (1999), Sguardo contemporaneo di Bugo (2006) e Canzoni da spiaggia deturpata di Le luci della centrale elettrica, dove partecipa anche in veste di chitarrista. Ha inoltre collaborato con molti gruppi italiani e stranieri quali Marlene Kuntz, Noir Désir, Litfiba, Timoria, Premiata Forneria Marconi, Yo Yo Mundi, Tre Allegri Ragazzi Morti, Virginiana Miller, Ulan Bator, Melt, Wolfango, Santo Niente, (P)neumatica, Quinto Stato, Zen Circus, Masoko, Hic Niger Est (con "primo parallelo" uscito nel gennaio 2007).

********************************************************

| HELLEKIN MASCARA & LOU MOON |

Gli Hellekin Mascara sono stati, fino ad Hell on Moon, l'ultimo disco in collaborazione con il sonwriter Lou Moon, alias Mattia Airoldi, un trio di rock strumentale. Formati nel 2002 (e interisti da sempre) il gruppo arriva da Crema (CR) ed è composto da Giovanni Pizzochero, Vincenzo Alghisio, Stefano Cattaneo. Chitarra, basso e batteria, tra il rock’n roll, il post rock e il math. Hanno all’attivo numerose produzioni: “Cornacchie a Sabbioni Beach”, l’opera prima, esce nel luglio 2007 ed è prodotto da Giulio Favero (Teatro degli Orrori, One Dimensional Man), nel 2008 viene pubblicato uno split – che segna l’avvio della collaborazione con l’etichetta indipendente “Il Verso del Cinghiale” – in condivisione con Angioletti Trio, ensemble di hardcore jazz, e nel febbraio 2011, per la stessa etichetta esce “Wanna be Dino”, cui seguirà un’intensa attività live condividendo palchi con Teatro degli Orrori, Ministri, Marta sui Tubi, Bugo, Giorgio Canali, Offlaga Disco Pax, Super Elastic Bubble Plastic, Bud Spencer Blues Explosion, Rosolina Mar, Rollerball (US), Ectogram (Wales), Mahones (Canada).

********************************************************



-------------------------
Sabato 7 maggio 2016.
LATTERIA MOLLOY.
Brescia.
-------------------------


| APPINO |

Andrea Appino è nato a Pisa due giorni prima di Gesù Cristo nel 1978. Fu chiamato così per il film "Lo chiameremo Andrea" e l'omonima canzone di De André, non fu battezzato. Indeciso fra il ragioniere, il fumettista, lo scrittore ed il giornalista durante le scuole medie, decise fermamente che avrebbe fatto il musicista e così è stato, ma solo dopo anni letteralmente passati a sputare sangue. E' penna, chitarra e voce dal 1995 dell'unica band di cui abbia mai fatto parte: gli Zen Circus, divenuti nel tempo un peso massimo per la musica indipendente italiana, grazie proprio ai testi al vetriolo dell'arricciato cantante chitarrista.

Con loro ha pubblicato 9 dischi, suonato più di mille concerti e collaborato con Violent Femmes, Kim Deal dei Pixies, Jerry Harrison dei Talking Heads, Nada, Teatro Degli Orrori, Tre Allegri Ragazzi Morti, Perturbazione, Giorgio Canali, Marina Rei, Ministri, Dente, Mariposa, Diaframma e davvero tanti tanti altri. Ogni tanto fa anche il produttore artistico, ma sostiene che sia ancora un mestiere in divenire. Il 5 Marzo 2013 pubblica per La Tempesta/Universal il suo primo lavoro solista intitolato "Il Testamento", dedicato al lato oscuro della famiglia italiana. Insieme a lui Giulio Favero e Franz Valente -rispettivamente basso e batteria de Il Teatro degli Orrori- che lo seguiranno anche nel relativo (ed incendiario) tour.

Urgenza espressiva la chiama lui, cantautorato punk dicono gli hipsters: semplicemente musica potente e parole forti. Fra un concerto e l'altro abita a Livorno, una finestra sul porto da dove, dice lui: "Posso guardare il culo alle barche"

********************************************************

| CLAUDIA IS ON THE SOFA |

Il disco di esordio Love hunters (Gibilterra management) fa conoscere e apprezzare claudia is on the sofa lungo tutta la penisola.
Imbracciando la sua fidata chitarra Hammilou Ribs Claudia canta le vite raccolte per strada a chi ama ascoltarle.
Divide il palco con Richmond Fontaine, Scott Matthew, Polly Paulusma, Hugo Race, Steve Wynn, Pink Mountaintops, Sondre Lerche, Dillon, Simeon Soul Charger, Philip Parfitt, Omar Pedrini, Paolo Benvegnù, Cesare Basile, Federico Fiumani, Marco Parente ecc.

Collabora con diversi artisti, tra cui Omar Pedrini nel suo “Che ci vado a fare a Londra?”
Presta voce e canzoni a sincronizzazioni, arrivando a Cannes con uno spot realizzato da Filmgood e Vetriolo.

********************************************************

| GIORGIENESS |

Giorgieness è il progetto della cantante e chitarrista Giorgia D’Eraclea, accompagnata dal polistrumentista Andrea De Poi.
Nato nel 2011, riscuote da subito un grande interesse, che la porta a condividere il palco con alcuni importanti artisti del panorama indipendente italiano, come Tre Allegri Ragazzi Morti, Morgan, Il Pan Del Diavolo, Fast Animals & Slow Kids e Paletti. Del 2013 l'EP d'esordio Noianess, prodotto da Luigi Galmozzi ed Andrea Maglia (Manetti!, Tre Allegri Ragazzi Morti). Con il 2014 Giorgia comincia a lavorare sul nuovo materiale, continuando ad affiancarvi un'attività live in costante crescita.

********************************************************

| VITTORIA & THE HYDE PARK |

“Bellissima, biondissima, occhi azzurri con mascara irrinunciabile e tacchi mai più bassi di 12 cm.”
E’ la protagonista di “Virgin Rock 20”, il programma in onda il sabato alle 16.00 su Virgin Radio Italia.

Classe 1985, nata in Italia sotto il segno dei gemelli da genitori tedeschi, Vittoria è cittadina del mondo. Ha vissuto in Germania e parla perfettamente italiano, inglese e tedesco, ha studiato canto lirico, danza classica e moderna, suona la tromba e ascolta tutti i generi di musica.

Il percorso artistico di Vittoria inizia nel 2006 con l’uscita del singolo “Sunny People” per EMI Italia, canzone trasmessa da tutte le radio nazionali e che riscuote un ottimo successo, tanto da portarla a partecipare a varie date del “RTL Summer Tour” con Megan Gale e Angelo Baiguini.

Nel 2014 forma la sua band, i VHP (Vittoria and the Hyde Park) con i quali, grazie ad uno show dal forte impatto sonoro e visivo, riesce a calcare importanti palchi per eventi organizzati da Virgin Radio Italia, Rolling Stone Italia, Vogue, Colmar, Bikkembergs, etc…

Nel 2015 partecipa come concorrente al talent show di RAI 1 “Forte Forte Forte” condotto da Raffaella Carrà vincendo l’ambito premio della giuria.



********************************************************

| PLAN DE FUGA |

I Plan de Fuga si formano nel 2005 e dopo anni di live in Italia e all’estero, nel 2009 firmano il loro primo contratto discografico. A Marzo 2010, a soli tre mesi dalla pubblicazione dell’album, vengono inseriti nel cast dell’Heineken Jammin’ Festival, dove i sono esibiti sul prestigioso palco principale del parco San Giuliano a Venezia, assieme ad artisti di fama internazionale come Aerosmith, The Cranberries e Stereophonics.

Nel gennaio 2011 i Plan de Fuga vengono eletti miglior band italiana del 2010 in un sondaggio on-line indetto dai DJ di Virgin Generation. Nel 2011 diversi brani estratti dall’album “In a Minute” vengono trasmessi nel programma The Coalition Chart Show, condotto da Mike Joyce, storico batterista degli “Smiths”, su East Village Radio (New York). I Plan de Fuga sono una delle realtà rock italiane più innovative: il nuovo album, uscito il 2 ottobre 2012, si intitola “LOVE°PDF” ed è stato pubblicato su etichetta e distribuzione Carosello Records. La musica dei Plan de Fuga è un rock contaminato da influenze pop, funk e dark.
L’intenzione è di miscelare i diversi stili e le diverse influenze musicali dei componenti mantenendo una continuità nelle atmosfere e nei suoni.

Varietà stilistica e ampi spazi a passaggi strumentali sono tra le peculiarità compositive della formazione. Il nome, “piano di fuga” in lingua spagnola, rispecchia il desiderio della band di comunicare il proprio messaggio musicale e misurarsi anche con la scena internazionale, motivo per cui i testi sono in lingua inglese. Nel 2015 avviene la svolta in italiano con la pubblicazione del nuovo progetto musicale dal titolo “Spazi immensi”.
********************************************************


Due palchi.
Due location imperdibili.
Due feste.
Ristoranti, bar e mercatini.

E molto molto altro.

Seguiteci.
www.hashtagpunto.com
www.latteriamolloy.it

Visit us
il 1 May 2016

Weather

Reviews

Caricamento...
Caricamento...
In this area our partners offer: