Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

James Senese / Napoli Centrale & Enzo Gragnaniello in concerto al Teatro Metropolitan, Catania

Teatro Metropolitan Catania Cannitello, Villa San Giovanni RC, Italia
Google+

Sabato 30 Aprile alle 21 James Senese / Napoli Centrale & Enzo Gragnaniello OfficialPage in concerto al Teatro Metropolitan Catania.
James Senese Napoli Centrale e Enzo Gragnaniello con la sua band si esibiranno in un doppio concerto. Non sono esclusi duetti a sorpresa.

Sarà il primo live di presentazione del nuovo album di James Senese / Napoli Centrale "O' sanghe", che uscirà Venerdì 29 Aprile nei migliori negozi di musica e in tutti i digital store.

Biglietti disponibili sul circuito Boxol.it: http://bit.ly/1RHH5kT

BIO JAMES SENESE / NAPOLI CENTRALE
"Sono nato nero e sono nato a Miano, suono il sax tenore e soprano, lo suono a metà strada tra Napoli e il Bronx, studio John Coltrane dalla mattina alla sera, sono innamorato di Miles Davis, dei Weather Report e in più ho sempre creato istintivamente, cercando di trovare un mio personale linguaggio, non copiando mai da nessuno…il mio sax porta le cicatrici della gioia e del dolore della vita (James Senese – tratto dal libro “libro "Je sto cca")."

1945, Fine della seconda guerra mondiale, le truppe tedesche e fasciste si arrendono, mentre in un quartiere di Miano nasce Gaetano, figlio di un soldato afroamericano di nome James Smith e di una mamma napoletana di nome Anna Senese. Gaetano Senese in arte James, inizia giovanissimo la sua carriera di sassofonista.

Nel 1961 insieme a Mario Musella ed ad altri amici danno vita a Terzigno al complesso di “Gigi e i suoi Aster”. Nel 1963 James e Mario incontrano Vito Russo, dando vita alla formazione de "I 4 CON". Cominciano i concerti, le serate nei night, le prime tournèe. Il gruppo accoglie le nuove proposte provenienti dall'America (twist e cha-cha-cha) e il genere melodico made in Italy.

Nel 1966, i due insieme all'amico Franco Del Prete formano THE SHOWMEN, il gruppo che segnerà il loro successo e la relativa consacrazione alla musica italiana.
Nonostante l'impronta marcatamente rhythm & blues, gli strepitosi successi e la notorietà raggiunta, nel 1970, inaspettatamente, gli Showmen decidono di sciogliersi.

Ci sarà una breve parentesi con la formazione degli SHOWMEN 2 con nuovo organico e un diverso suono, che pubblicheranno un unico omonimo disco.

James è innamorato di John Coltrane e Miles Davis, quindi sente l’esigenza di creare qualcosa di nuovo, di sperimentare. E’ il periodo della svolta funky di Davis e della nascita dei Weather Report, band che amerà particolarmente.

Nel 1975 sempre all’amico Franco Del Prete fonda dunque i NAPOLI CENTRALE (Il nome, che gli viene suggerito da Raffaele Cascone, è la denominazione della stazione ferroviaria del capoluogo campano) Il quartetto è composto da James al sax e voce, Franco alla batteria, Mark Harris al Piano Fender e Tony Walmsley al basso.

Nello stesso anno per l’etichetta Ricordi, incidono il primo disco “Napoli Centrale”, una fusione di jazz, rock e un po’ di progressive, miscelato alla perfezione con la musica popolare napoletana Sono anni quelli in cui una delle canzoni più importanti scritte da Senese, “Campagna”, entra nella Hit Parade.

1976, Sempre per la Ricordi esce il secondo disco “Mattanza”.
1978, Ancora per la Ricordi esce il terzo disco “Qualcosa ca nù mmore”, la formazione è la stessa tranne al basso che è suonato dallo stesso James, con l’aggiunta di Alfonso Adinolfi alle percussioni.
Da ricordare che nei concerti per un breve periodo al basso suona un giovanissimo PINO DANIELE.

Alla fine del 1979 il gruppo si scioglie per la prima volta. James inizia la collaborazione con Pino Daniele, che nel frattempo ha iniziato la carriera solista. Fra i due si stringerà una forte amicizia e collaborazione, dal quale Daniele prenderà spunto di quella fusione musicale fatta di America, Africa e mediterraneo, grazie all'esperienza che aveva condiviso in precedenza con i NAPOLI CENTRALE. James, parteciperà con il suo magico sassofono a "Nero a metà" e "Vai mò" ecc.

Nel 1983 incide per la Polygram il suo primo album da solista dal titolo omonimo "JAMES SENESE" colonna sonora del film "No grazie il caffè mi rende nervoso" di Lodovico Gasparini con Lello Arena e Massimo Troisi, James oltre a curare le musiche, partecipa anche come attore, interpretando se stesso.

Nel 1984 nuovo album da solista con la sigla Napoli Centrale che segue il nome dell'artista in copertina dal titolo " IL PASSO DEL GIGANTE"

1997 – Senese partecipa ad un evento importante, incontro tra Harlem e Napoli all' Apollo di New York, leggendario teatro della musica nera. "HARLEM MEETS NAPOLI". James con altri musicisti napoletani (De Piscopo, Esposito, Zurzolo, Vitolo, ecc..) si esibisce con James Brown, The Tempetations, Art Ensamble of Chicago, Eumir Deodato, Alphonso Johnson E' una fusione di suoni e ritmi, due culture che si rispecchiano l'una nell'altra, perfino il dialetto partenopeo e lo slang del ghetto nero sembrano assomigliarsi in modo impressionante.

1988, Nuovo album a proprio nome dal titolo "Alhambra" (Costa Est). Nel disco gli arrangiamenti ed il piano elettrico del mai troppo rimpianto Gil Evans.

1991, Nuovo disco "Hey James" (Canzonetta) La copertina propone la foto di James e quella di suo padre James Smith e come riportato dalle note interne, l'album è dedicato alla sua famiglia. Nel disco "Hey James " un brano autobiografico dedicato al padre.

1992 esce "JESCEALLAH" (La Canzonetta/Sintesi 3000). Da evidenziare la prestigiosa collaborazione di due membri dell'Art Ensamble of Chicago, Lester Bowie (Tromba), Famoudu Don Moye (Percussioni).

1994, Napoli Centrale esce con "'NGAZZATE NIRE" (La Canzonetta, Sintesi 3000).
La rabbia come riferimento centrale di tutto l'album. Nel disco suonano: Michel Forman: Keyboards, Alfredo Paxiao: Bass, Agostino Marangolo: Batteria, Manolo Badrena: Percussioni, Michele Ascolese: Guitar. I testi sono di Franco Del Prete.

2000 esce a proprio nome "SABATO SANTO" (Polosud).

2001 Napoli Centrale "ZITTE ! STA VENENNE O MAMMONE" (PDG)

2003 esce James Senese & Enzo Gragnaniello "TRIBU' E PASSIONE" (Rai Trade)
"Tribù e passione” nasce, prima che come progetto discografico, come espressione musicale di un incontro: l’esperienza cantautorale di Enzo Gragnaniello, e le sonorità jazz di James, sempre attento alle sperimentazioni di confine in orizzonti musicali fatti di testa, anima e pelle.

2003 James Senese "PASSPARTU'"
Il nuovo album è un doppio cd, il primo inciso in studio, il secondo una registrazione di un concerto.

Nel 2005 viene pubblicato il libro "JE STO CCA'" ... JAMES SENESE (Editore Guida)
Nel volume è racchiusa la sua storia, quella di uno dei padri fondatori di tutto il movimento musicale denominato 'Neapolitan Power', che, a cavallo tra gli anni '60 e '70, nacque e si sviluppò all'ombra del Vesuvio.

Nel 2007 esce il nuovo disco " PAJSA'" Project James Napoli Centrale. (Produzione: Fox & Friends)

Nel 2008 PINO DANIELE riforma la super band è James partecipa ad una serie di concerti in giro per l'italia, con la formazione storica, la migliore che ha segnato un momento indimenticabile per la musica italiana: Pino Daniele, Tony Esposito, Joe Amoruso, Rino Zurzolo, Tullio De Piscopo, James Senese.

2009, Per la RCA esce un antologico, "CAMMENANNE"

2012, esce "E' FERNUT' 'O TIEMPO" (Arealive)
Il disco segna un cambiamento dettato dall'urgenza di parlare dei sentimenti, dell'amore.
Non solo l'amore passionale ma anche quello per un'idea o per la vita

A fine anno 2012 James riprende la collaborazione con Pino Daniele, partecipando, con NAPOLI CENTRALE, a “TUTTA N’ATA STORIA" Live in Napoli, sei concerti-evento dal 28, 29 e 30 dicembre al 4, 5 e 6 gennaio 2013 al Teatro Palapartenope. Un successo straordinario e sold out in tutte le 6 serate. La partecipazione a “TUTTA N’ATA STORIA" si ripete anche a fine anno 2013 per altre 6 date.

Nel 2013 James è ospite degli Almamegretta al festival di San Remo e della Grande Orchestra Rock 1 maggio a Roma.

Nel 2014 James collabora con Pino Daniele (sempre con NAPOLI CENTRALE) al tour italiano di “NERO A META’".

Nel 2015 James Senese & Napoli Centrale si confermano la live band più attiva in Italia con oltre 110 concerti tutti sold-out con uno straordinaria collaborazione con Jovanotti e Eros Ramazzotti allo stadio San Paolo di Napoli.

Il 2016 inizia con la partecipazione al programma su RAI1 “Sogno e Son Desto” con Massimo Ranieri.

Il 29 aprile esce il nuovo disco di James Senese Napoli Centrale, il ventesimo della sua carriera dal titolo “O Sanghe” (Ala Bianca / Warner Music Italy.

BIO ENZO GRAGNANIELLO
Enzo Gragnaniello nasce a Napoli a vico Cerriglio, il vicolo più stretto di tutta Napoli.
Compone le prime canzoni a 18 anni. Sono canzoni d'amore e di rabbia, ma ciò che non manca mai, anche nelle storie più
disperate, è la speranza e la personalissima interpretazione.

Allo scopo di avvicinarsi, sia pure con le dovute differenze, alla
riscoperta delle radici popolari della musica e della canzone napoletana, nel 1977 forma il gruppo "Banchi Nuovi", nome legato a una delle realtà più dure che Napoli ha sempre vissuto: la disoccupazione.
Banchi Nuovi è infatti il nome del comitato dei Disoccupati Organizzati di cui Enzo faceva parte.

Pubblica i suoi primi album nel 1983 ("Enzo Gragnaniello") e nel 1985 ("Salita Trinità degli Spagnoli") il cui titolo si ispira al nome
della via dei Quartieri Spagnoli di Napoli dove Enzo tuttora vive.
Il personalissimo percorso musicale di Gragnaniello trova dei punti d'arrivo in altri quattro album. Due cantati nella lingua
partenopea ("Fujente" del 1990 e "Veleno, mare e Ammore" del 1991) e i successivi "Un mondo che non c'è" (1993) e "Cercando il sole" (1994) confermano Gragnaniello come eccellente autore di canzoni scritte in italiano.

Fiore all'occhiello nella sua carriera artistica è il riconoscimento che gli viene attribuito per ben tre volte con il "Premio Tenco" per la migliore canzone dialettale.

Numerose sono le sue collaborazioni con altri artisti come autore: per Mia Martini scrive le straordinarie "Stringi di più" e "Donna".

Nel 1991 rilancia la canzone napoletana moderna con il brano "Cu'mmè", che interpreta con la stessa Mia Martini e Roberto
Murolo, e che raggiunge una tale popolarità da essere tradotto in otto lingue (tuttora tra le canzoni italiane più conosciute in
Spagna, Grecia e Brasile) e, nel 1994, viene scelto come colonna sonora per lo spot televisivo del G7 che si tiene a Napoli in quell'anno.

Nel settembre 1998 inizia una nuova avventura per Gragnaniello che, con la Sugar, pubblica un album interamente strumentale in
cui convergono i suoni sacri e rituali della musica etnica, dal titolo "Neapolis mantra", ottimamente accolto dalla critica e
impreziosito da una speciale versione remix di un brano a cura di Bill Laswell.

Nel 1999 Enzo è stato tra i più acclamati big in gara al 49° Festival di Sanremo con la canzone "Alberi" interpretata con la
straordinaria partecipazione di Ornella Vanoni, e contenuta nel nuovo lavoro “Oltre gli alberi", che otterrà la terza TARGA TENCO come miglior disco.

L'attività di Gragnaniello compositore si è poi arricchita con la splendida "O mare e tu", l'emozionante canzone scritta da Enzo per Andrea Bocelli che interpreta insieme a Dulce Pontes nell’album "Sogno".
Altro grande traguardo di Enzo sono i concerti tenuti al Teatro San Carlo di Napoli, che, per la prima volta, apre le porte ad un
cantante pop, e da cui traggono spunto gli autori Michel Pergolani e Renato Marengo per pubblicare il libro-cd a lui dedicato "Dai Quartieri al San Carlo" (RAI-ERI).

Nel 2001 Enzo pubblica “Balia" (Multivision Entertainment/Epic-Sony Music) presentato in tournèe in tutta Italia e all’estero.
Nel 2003, dalla collaborazione di Enzo e James Senese nasce il disco “Tribù e Passione”, con cui i due artisti si immergono nelle
radici della canzone classica napoletana per riscoprire la vera forza, l’essenza e, appunto, la passione dei classici napoletani. Con il disco l’omonima tournèe, apprezzatissima anche all’estero.

Nell’estate del 2003 Enzo scrive “Cosa vuoi di più” (A.Guida Editore), un simpatico libricino che racchiude un insieme di riflessioni silenziose e di pensieri in libertà, piccoli disegni e poche parole per esprimere grandi sensazioni ed emozioni.
“Quanto mi Costa” è il disco successivo di Enzo, che per le sonorità può essere definito “world” ma che, comunque, non rinuncia al sentimento e all’originalità propria dell’artista. Un percorso creativo che, dopo qualche anno, lo porta alla pubblicazione de “L’erba cattiva”, un album decisamente maturo, concepito per entrare in contatto con la sfera più intima dell’ascoltatore, undici canzoni che non sono altro che undici messaggi per un unico destinatario: l’anima e la dignità di ogni essere umano.

Nel 2011 viene pubblicato“Radice”, molto apprezzato sia in Italia che all’estero.

19 maggio 2015: esce il nuovo album “Misteriosamente”.

Veniteci a trovare
il 30 aprile 2016

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: