Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

APNEA | Massimo Caccia - Alice Zanin

PUNTO SULL' ARTE VIALE SANT'ANTONIO, 59/61, Centro, Casbeno, Varese VA, Italia
Google+

ITA:
A due anni esatti dall’ultima mostra insieme a Varese, MASSIMO CACCIA e ALICE ZANIN sono di nuovo protagonisti alla galleria PUNTO SULL’ARTE di Varese di una doppia mostra personale dedicata agli animali – Inaugurazione SABATO 7 MAGGIO dalle 18 alle 21.
Nata in parallelo con un’altra doppia personale – che nello stesso periodo vede Zanin e Caccia anche a Biella, a Palazzo Ferrero – questa mostra si snoda intorno alla riflessione sul nostro rapporto con gli animali, non tanto quanto altro da noi, ma piuttosto come riflesso delle nostre paure, delle nostre ansie e delle nostre idiosincrasie; attraverso due autori diversissimi per temi e linguaggi, sebbene simili nella scelta di un tono pop e di una decisa stilizzazione formale. Le giraffe, le zebre, i levrieri in cartapesta di Zanin raccontano una fisicità stilizzata fino quasi all’annullamento del sé che si traduce in una leggerezza soave. I musi allungati, gli arti affusolati, spesso librati in aria, improvvisano danze in installazioni lievi e fortemente concettuali che rimandano alla vita circense. Immediati, grafici, scanditi in cromie potenti, gli animali dipinti da Caccia regalano invece gustosissimi scorci di umana quotidianità. Colti in situazioni emblematiche, in simbolici dialoghi con oggetti incongruenti, sono lo specchio di quelle piccole e grandi frustrazioni di cui è costellata la nostra esistenza.

MASSIMO CACCIA nasce nel 1970 a Desio (MI). Frequenta l’Accademia di Brera a Milano diplomandosi in pittura nel 1992. Impegnato principalmente in ambito pittorico, espone in numerose mostre personali e collettive e in fiere di settore. Protagonisti delle sue opere sono animali immortalati nelle più assurde situazioni, posti in relazione con oggetti quotidiani su fondali uniformi, spesso monocromatici. Oltre a dipingere, crea titoli di testa per cortometraggi, disegna scenografie e realizza marionette. Nel 2001 realizza un’animazione per la campagna pubblicitaria natalizia di TELE+. Nel 2007 crea la graphic novel Deep Sleep (Grrrzetic Editrice), e nel 2009 inizia la collaborazione con la casa editrice Topipittori che porta alla pubblicazione di tre libri illustrati. Nel 2012 viene selezionato da Miroglio TEXTILE, per il progetto “Metri d’Arte” dove, lavorando a stretto contatto con i designer, realizza dei tessuti d’artista presentati in anteprima a Parigi in occasione di Premiere Vision. Attualmente collabora con il Corriere Della Sera realizzando illustrazioni per il supplemento domenicale laLettura. Nei tempi morti prende oggetti comuni (tavoli, sedie, divani) e li trasforma in animali. Vive e lavora a Vigevano (PV).

ALICE ZANIN nasce nel 1987 a Piacenza. Autodidatta di formazione, sperimenta diversi mezzi espressivi fra cui anche la pittura, fino a scegliere di concentrarsi pressoché esclusivamente sulla tecnica della cartapesta a partire dagli inizi del 2012. Nella prima parte della sua produzione (la serie dei “verba volant scripta…”) l’autrice costruisce attraverso animali di parole un ironico discorso sull’idea di effimero, transitorio e mutevole al quale la componente verbale nel suo valore umano è assolutamente riconducibile. Raggiunge nel tempo risultati più minuziosi e raffinati eliminando le parti testuali dei quotidiani dalle coperture dei pezzi, allo scopo di ottenere superfici più lievi, come epidermici giochi di colore per mezzo di accordi cromatici tra le carte. Attualmente il lavoro dell‘artista, pur restando a tutti gli effetti scultoreo, tende all’installazione soprattutto in termini espositivi, costruendo un dialogo tra opere e oggetti sulla base del registro dell’incongruenza o dell’associazione di idee. Le scelte quasi “automatiche” degli oggetti infatti, sovente, conducono ad un travisamento della loro convenzionale destinazione d’uso, ottenendo tra questi e il soggetto animale una relazione oscillante tra il reciproco imbarazzo e una galante ironia. Ha realizzato mostre personali e collettive e ha partecipato a fiere in Italia. Sue opere fanno parte di collezioni private in Italia, Austria e Venezuela. Vive e lavora a Podenzano (PC).

ENG:
Two years after their last exhibition together in Varese, MASSIMO CACCIA and ALICE ZANIN are once again together with their works centred upon animals, at the Galleria PUNTO SULL’ARTE in Varese – Opening on SATURDAY 7th MAY from 6pm to 9pm.
Born along with a contemporary combined exhibition by the two artists – held in Biella, at Palazzo Ferrero – this project refers to our relationship to animals. These paintings are not so different to those of human beings since they represent our fears, anxieties and phobias. This comes out well in the works of the two artists even if portrayed in different themes and languages, yet united by the choice of a pop style and a strong formal stylization.
Zain’s papier-mâché giraffes, zebras, and greyhounds tell about a stylised reality, which almost reaches self-annihilation by turning into a gentle lightness. A circus atmosphere emerges through these animals with stretched muzzles; tapered paws often raised in the air, and improvise dances all within delicate and conceptual installations. The animals painted by Caccia offer enjoyable glimpses of everyday life with immediate graphics, marked by powerful hues. They mirror the frustrations, which sprinkle our existence seized within emblematic situations, during symbolical dialogues with incongruous objects.

MASSIMO CACCIA was born in 1970 in Desio (Milan). He attended the Accademia di Brera, graduating in Painting in 1992. Mainly focused upon this technique, his works were chosen for various solo and group exhibitions and Art Fairs. His paintings portray animals in strange situations, set up with everyday objects against uniform and, often monochromatic backgrounds. Apart from painting, he creates titles for short movies, sceneries and marionettes. In 2001, he made a cartoon for the Christmas advertising campaign of TELE+. In 2007, he created the graphic novel Deep Sleep (Grrrzetic Editrice), and in 2009, he started working for the Topipittori Company, which led to the publication of three illustrated books. In 2012, the Miroglio TEXTILE group for the project “Metri d’Arte” chose him. He made artistic fabrics in collaboration with a team of designers, which were then exposed in Paris at the Premiere Vision. He cooperates with the Corriere della Sera newspaper by creating drawings for the Sunday insert of La Lettura. In his spare time, he transforms everyday objects (tables, chairs, sofas) into animals. He lives and works in Vigevano (Pavia).

ALICE ZANIN was born in 1987 in Piacenza. Self-taught artist, she experienced various means of expression amongst which painting. As of the beginning of 2012, she focused upon papier-mâché. During the first part of her production (the series “verba volant scripta…”), she developed, by using animal speech, an ironic dialogue illustrating the evanescent, temporary and changing link with the human values of oral tradition. She was able to reach results that are even more refined by removing texts from papers, in order to obtain lighter surfaces, and create chromatic counterparts among different kinds of paper. Nowadays her work – even though still sculptural – is oriented towards installations, which create, between her works and objects, a dialogue focused upon inconsistency and association of ideas. The almost immediate choice of the objects often lead to a misinterpretation of their common function, thus generating awkwardness and irony between them and animals. She took part in solo and group exhibitions and art fairs in Italy. Her works belong to private collections in Italy, Austria and Venezuela. She lives and works in Podenzano (Piacenza).

Veniteci a trovare
il 7 maggio 2016

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: