Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

I GATTI MéZZI

Bravo Caffè Pagina Ufficiale Via Mascarella 1, Bologna, Italia
Google+

Ci sono band che devono la loro fortuna a un forte radicamento territoriale ma che hanno la carte in regola per imporsi anche al di fuori dei confini locali e regionali. E' il caso dei Gatti Mézzi (bagnati), nati dal connubio artistico tra due pisani doc: Tommaso Novi e Francesco Bottai. Ad unirli la passione per un tipo di composizione ironica, sperimentale, colta e irriverente che scivola su melodie che spaziano dal jazz allo swing passando per le sonorità della musica popolare. Nel 2015 il film di Roan Johnson “Fino a qui tutto bene”, del quale i Gatti Mézzi hanno scritto e arrangiato la colonna sonora, fa ottenere al duo una preziosa candidatura ai Nastri d’Argento nella categoria “Miglior canzone originale”.
La loro storia professionale inizia nel 2006 con "Anco alle puce ni viene la tosse", sedici brani in slang pisano che raccontano la città in tutte le sue sfaccettature e contraddizioni. A questo segue, nel 2007, la seconda autoproduzione "Amori e Fortòri", album meno scanzonato, più impegnativo e complesso del primo che alterna walzer, swing, blues e marcette, giocando sul contrasto tra testo e melodia. A impreziosire il lavoro discografico anche un contributo di Stefano Bollani. "Amori e Fortòri" riceve un’ottima accoglienza, confermata da un pubblico sempre più numeroso. I Gatti Mézzi iniziano a farsi conoscere anche fuori dai confini toscani. Nel 2007 vincono un Premio Ciampi (sez. Stefano Ronzani) per i brani “Tragedia dell’estate” e “La zuppa e ‘r cacciucco”. Nel 2009 esce "Struscioni" con cui ottengono consensi e stima in regioni apparentemente avulse dal loro mondo di riferimento. Nel 2009 sono in finale al Festival Musicultura di Recanati. Nel 2011 esce "Berve fra le Berve" e, nel 2013, il loro quinto lavoro "Vestiti Leggeri". Al Bravo presentano il nuovissimo disco "Perchè hanno sempre quella faccia".

Veniteci a trovare
il 28 aprile 2016

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: