Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Le Terre del Riso

Argentera TO, Italia
Google+

Le sponde del Lago Maggiore e di quello d’Orta, il tumultuoso Sesia e l’atmosfera irreale delle immense piane delle risaie fanno di questa terra tra Novara e Vercelli il regno delle acque. Ma i devoti a Bacco possono stare tranquilli, perché questa è anche la terra del Nebbiolo da cui si ricavano i celebri Barolo, Barbaresco e Carema, vini rossi adatti ad accompagnare i piatti di una cucina forte e decisa, quale è quella della panissa vercellese e della paniscia novarese dove riso, fagioli, verdure e maiale si uniscono meravigliosamente. Si parte da Novara, città dall’atmosfera ordinata, dove non si può non ammirare la cupola di San Gaudenzio, capolavoro di Alessandro Antonelli, l’architetto nativo di Ghemme cui si deve la celebre mole di Torino. Si può proseguire verso ovest fino all’Abbazia di San Nazzaro Sesia, fondata dai benedettini nell’XI secolo. Proseguendo ancora lungo la direttrice Novara - Varallo si devono ammirare il castello di Proh, di Briona e quello di Rovasenda. A Candelo vi è il famoso ricetto medievale, quello meglio conservato in Italia tra tutte le antiche cittadine in miniatura, difeso da mura merlate e da torri, con strade e casette adibite a rifugio, deposito agricolo e cantina. A Lessona e Roasio si possono gustare il Lessona e l’ottimo Bramaterra; anche Gattinara, con le sue colline pietrose è una delle capitali dei rossi piemontesi. Percorrendo il centrale Corso Valsesia si può ammirare la Chiesa di San Pietro, che ha un’interessante facciata del XIV secolo con decorazioni in cotto.

Proseguendo per Romagnano, famosa per la battaglia dove cadde Pierre Terrail e per l’Abbazia di San Silvano, si arriva a Boca. Tornando verso Novara, si può passare per Ghemme, famosa per la parrocchiale e per il buon vino rosso e ci si può fermare a Cameri. Qui va assolutamente acquistato lo squisito gorgonzola artigianale classico.

Info

0321.3701 Novara

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: