Login Sign in ^
English
Registrati
Sign up Weekeep! Find your Facebook friends, organize your travel and visit over 1,000,000 events around the world!
Access with Facebook
Access with Google+
Facebook Google+
X
RESULTS
MAP
DETAIL
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Location
Sleeping
Eating
Best Deals
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PRICE : from € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

GUIDO CATALANO/OMAR PEDRINI/NICCOLO' AGLIARDI/FOLCO ORSELLI/CHIARA DELLO IACOVO e molti altri a PARC

Cocolele Green Village Parco Goisis, Via Angelo Goisis, Redona, Bergamo, Bergamo, Italy
Google+

PARCOscenico.
Cocolele Green Village.
Parco Goisis, Bergamo.
*********************************************
Un parco meraviglioso.
Una rassegna da non perdere.
Dal 16 giugno e per tutta l'estate 2016.

Concerti ed ospiti.

OMAR PEDRINI in duo.

Il rocker bresciano in duo unplugged ripercorre la sua carriera vedendolo protagonista sin da giovanissimo con i Timoria, una delle più influenti rock band italiane per poi continuare da solista ottenendo grandi riconoscimenti, tra i quali “FIM Award 2014 come miglior artista rock italiano”, il "Premio Lunezia Elite 2015" ed il recentissimo "Uno come noi" dall'Associazione Augusto per la Vita, targa personalizzata in memoria di Augusto Daolio “per la sua amicizia e vicinanza al progetto Augusto per la Vita, che più volte ha appoggiato partecipando a eventi promossi dall'Associazione”.

Omar Pedrini proporrà oltre ai suoi successi, anche brani tratti da “Che ci vado a fare a Londra?”, ultimo lavoro discografico uscito nel gennaio 2014 e che ha dato il via ad una nuova fase "british" studiata e realizzata in collaborazione con Ignition di Noel Gallagher degli Oasis.

*********************************************************
CHIARA DELLO IACOVO.

Chiara Dello Iacovo, nata a Savigliano (CN) nel 1995 ma astigiana d’adozione, si avvicina per la prima volta allo studio del pianoforte all’età di 8 anni, mentre a 14 anni comincia a cantare e a comporre i suoi brani, sia testi che musica, prima in lingua inglese e poi in italiano. Nel 2013 Chiara partecipa al San Jorio Festival vincendo nella categoria “Cantautori”, mentre l’anno successivo vince nella categoria “Inediti”. Sempre nel 2014 vince tre premi del Tour Music Fest (Premio "Songwriter of the Year”, “Premio Discografia Rusty Records” ed il “Premio Universal”) e firma il contratto con l’etichetta Rusty Records, iniziando così il suo percorso da cantautrice che la vede partecipare al noto programma televisivo “The Voice of Italy 2015”. Contemporaneamente al programma televisivo, Chiara partecipa a Musicultura 2015 e, a giugno 2015, rientra negli 8 vincitori di Musicultura e si esibisce allo Sferisterio di Macerata vincendo il “Premio della Critica” e il premio “Nuovo IMAIE” come Migliore Interpretazione.

*********************************************************
BIANCO.

Chiara Dello Iacovo, nata a Savigliano (CN) nel 1995 ma astigiana d’adozione, si avvicina per la prima volta allo studio del pianoforte all’età di 8 anni, mentre a 14 anni comincia a cantare e a comporre i suoi brani, sia testi che musica, prima in lingua inglese e poi in italiano. Nel 2013 Chiara partecipa al San Jorio Festival vincendo nella categoria “Cantautori”, mentre l’anno successivo vince nella categoria “Inediti”. Sempre nel 2014 vince tre premi del Tour Music Fest (Premio "Songwriter of the Year”, “Premio Discografia Rusty Records” ed il “Premio Universal”) e firma il contratto con l’etichetta Rusty Records, iniziando così il suo percorso da cantautrice che la vede partecipare al noto programma televisivo “The Voice of Italy 2015”. Contemporaneamente al programma televisivo, Chiara partecipa a Musicultura 2015 e, a giugno 2015, rientra negli 8 vincitori di Musicultura e si esibisce allo Sferisterio di Macerata vincendo il “Premio della Critica” e il premio “Nuovo IMAIE” come Migliore Interpretazione.

*********************************************************
G-FAST + MONTAG.

G-Fast, e’ l’originale progetto One Man Band di Gianluca Fasteni che esordisce nel gennaio 2011 con il disco auto prodotto “Dancing With The freaks” che riceve subito un ottimo riscontro di pubblico e critica.
Armato di una chitarra Dobro con tre corde e la sua voce polverosa ha solcato i palchi di tutta Italia accumulando un numero importante di concerti.

Nel gennaio 2014 esce per “La Fabbrica Etichetta Indipendente” distribuzione Audioglobe “Go to M.A.R.S.” Il secondo album, un disco che racconta un ipotetico viaggio su Marte con 10 personaggi che parlano delle loro storie, dove G-Fast, come al solito e’ il proprietario del Circo.

Nel nuovo show, si presenta con cassa e rullante suonati con i piedi, chitarra monocorda, banjo tromba, la fedele chitarra a 3 corde, megafoni, chitarrine giocattolo ect. ect. sfoderando dal mezzo cilindro uno spettacolo energico ma allo stesso tempo ricco di sfumature originali, marchio ormai di fabbrica dei suoi concerti.Il Blues e’ il punto di partenza del songwriting dell’artigiano G-Fast, e l’arrivo non è ancora dato a sapersi, quello che è’ sicuro e’ che sarà’ strano.il tour 2014 dell’album “Go to M.A.R.S. ha già solcato una sessantina di palchi in tutta Italia e le date sono sempre in costante aggiornamento.


*********************************************************
GUIDO CATALANO.

Guido Catalano nasce a Torino nel 1971 ed è ancora vivo.
Ultimamente ha fatto gli esami del sangue e risulta quasi astemio anche se non ha senso.
Normalmente non si esprime in terza persona ma in questo caso gli sembrava più fine.
Ha scritto sei libri di poesie, l’ultimo dei quali si intitola “Piuttosto che morire m'ammazzo” per i simpatici tipi di Miraggi Edizioni.
Per vivere si esibisce in strabilianti reading in tutta l’Italia. Ne fa oltre centoventisette l’anno, il che a pensarci bene è una cosa pazzesca.
Ancor più pazzesco è che non sia ancora diventato ricco e che, come si diceva all’inizio, sia ancora vivo.

*********************************************************
NICCOLÒ AGLIARDI.

Nasce a Milano il 17 maggio 1974 ed è per colpa o merito di quel "Ridere, ridere, ridere ancora…" di Samarcanda di Roberto Vecchioni che resterà per sempre affascinato dall'arte della parola in musica e, quindi, dai cantautori.

Frequenta il liceo classico, ed è in quegli anni che comincia a scrivere le sue prime canzoni.

Spinto dalla passione verso i grandi nomi della canzone d’autore si laurea in Letteratura Italiana Presso l’Università Statale di Milano discutendo una tesi sui luoghi reali ed immaginari presenti nei testi di Francesco De Gregori.

Tra i suoi riferimenti musicali - oltre naturalmente a De Gregori - ci sono: Ivano Fossati (sul braccio sinistro ha tatuato il titolo di una sua canzone C’è tempo), Bruce Springsteen, Bob Dylan, Radiohead, Damien Rice, Tom Mc Rae e John Mayer.

Nel 1999 (dopo un anno passato a lavorare come assistente di produzione in due tour importanti come quelli di Fabrizio De André e Renato Zero) Niccolò comincia la sua carriera di autore e inizia a scrivere canzoni firmando in esclusiva prima per Sony Music Publishing, quindi per Universal Music (2003) ed oggi per Curci.

Il 13 maggio 2005 esce il suo primo album dal titolo 1009 giorni (Bonaparte Edizioni/edel), da cui vengono estratti due singoli: Mi manca da vicino e Le cose che arrivano dopo. Con questi brani Niccolò partecipa a diverse manifestazioni televisive e radiofoniche. Nel dicembre dello stesso anno Agliardi diventa collaboratore ordinario della cattedra di Letteratura Italiana presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Statale di Milano dove tiene lezioni e seminari sulla canzone d’autore.

Il 29 gennaio 2013 annuncia l'uscita su YouTube di "Soltanto il vero", primo singolo del nuovo disco di inediti con la partecipazione del rapper Emis Killa. Successivamente è autore insieme a Dario Faini del brano Se rinasci per Emma, contenuto nell'album Schiena della cantante salentina. Il 2 maggio dello stesso anno pubblica il singolo Fino in fondo, prodotto da Marco Barusso, in duetto con la cantante Bianca Atzei, il brano viene successivamente inserito nell'album di Niccolò, Io non ho finito, in una versione interpretata esclusivamente da lui. Il 30 dicembre pubblica il singolo Braccialetti rossi.

Il 21 gennaio 2014 pubblica l'album Braccialetti rossi, la colonna sonora della serie TV omonima, in onda dal 26 gennaio 2014. Il 27 maggio dello stesso anno pubblica l'album Io non ho finito

*********************************************************
FOLCO ORSELLI.

"Ho" interessi"diversi in campo musicale, in campo economico invece unici e vicini alla capanna. Ho affrontato generi diversi e come direbbe qualcuno: " alla marinara" nel senso che sarebbe meglio spogliarci della mozzarella per abbandonarci in un allegorico lago di pomodoro agliato.

Il Blues mi ha sempre fatto da faro, anche se spesso fulminato, visto che l'oscurità ancora regna. Ho prodotto per ora tre album "La stirpe di Caino", "La spina" e "MilanoBabilonia". Attualmente sono incinto del quarto a cui non so bene come dare un tetto e da mangiare ma, si sà, quando c'è l'amore...Il nuovo pupo si chiamerà "Generi di conforto", l'unico dubbio sul nome è stato immaginare la contrazione familiare soprannomine:" Geneeee vieni quaaaa" oppure "Tortooo non bere l'acqua dal rubinetto, anzi, non bere l'acqua".
Ho incontrato sul mio cammino una banda di "messicani psichedelici" con i quali ho condiviso un progetto dal nome "Arm on Stage" e coi quali abbiamo dato vita e respiro ad un album "Sunglasses under all stars" in collaborazione con il Ragoo locale milanese condotto dal grande capo Solokute alias Lorenzo Aldini. I messicani sono Stefano Piro, Claudio Domestico, Alessandro Sicardi. Collaboro a singhiozzo con il poeta calabro-milanese Vincenzo Costantino che si ostina a soprannominarsi Chinaski. Io gli ho suggerito Vincenzo "Napoleone" Costantino oppure Vincenzo "Mosè" Costantino o addirittura Vincenzo "Costantino" Costantino ma, è un romantico e non possiamo farci niente.

Tra le collaborazioni segnalo tutta la schiatta del Carvanserraglio (Pirini, Resta,Tessadri, Serranò, Leonardi, De Angelis, Didoni, Conti, Altobelli, Bini, Pasinato in porta Bordon), la nuova compagnia di brigata del Moscone che nel whiski andò a cader e di Zona Franca (Con in più Germano Lanzoni, Flavio Oreglio). aggiungo una lunga militanza di scorribande insieme a Matteo Speroni col quale stiamo realizzando una serie di incursioni chiamate "Milano capitale del mondo" che sfoceranno prima o poi in uno spettacolo dal titolo "Houston...non c'è problema" ma che per ora singhiozzano e, una serie di altre attività che riguardano la corsa campestre a tappe forzate e la scalata delle statue femminili romaniche. Per gli interessati allego qua sotto una serie di informazioni più isituzionali."

Arrivederci Folco

*********************************************************
ARCANE OF SOULS + LA BELLE EPOQUE.

Arcane of Souls è il nuovo progetto solista di Alfonso Surace (già chitarra e voce ne il tORQUEMADA, chitarra live nei SakeeSed).

L’anagramma è solo una metafora di come, nella vita, si possano sempre mischiare le carte in tavola senza mai smettere di essere stessi.

L’arcano esordio da solista dell’artista calabrese si intitola "Vivo e Vegeto". Il disco è stato prodotto interamente da Alfonso nella propria taverna tra il 2011 e il 2012, con approccio lo-fi-take-it-easy-spesso-buona-la-prima, per cercare di mantenere l’autenticità primordiale e istintiva di ogni pezzo.

Nel 2015 Arcane of Souls da alle stampe il suo secondo disco "Ceneré", album anch'esso interamente autoprodotto da Alfonso. L'album è stato ben accolto dalla critica musicale ed è tutt'ora eseguito live da Alfonso e la sua band.

*********************************************************
ILARIA PASTORE.

Ilaria Pastore è una “cantastorie”, nel significato più poetico e visionario del termine.
Milanese di nascita (ma pugliese di origine), classe 1980, inizia a studiare chitarra elettrica nel 2000 per poi passare definitivamente alla Chitarra Acustica e ad un approccio molto personale nell’accompagnamento, granzie anche al supporto di chitarristi del calibro di Walter Lupi e Gigi Cifarelli.
Parallelamente porta avanti lo studio del canto prima con il soprano Maria Consoli, poi con Debora Quattrini e, collaborazione che dura tutt’oggi, con la grande didatta Daniela Panetta.
Dopo anni passati in varie Rock bands, nel 2006 da vita al progetto “Ilaria Pastore Trio” col quale partecipa a numerose rassegne e conquista il primo posto in vari concorsi tra cui Nuova Musica Italiana, DBMuzicZone, Premio Poggio Bustone, Liberi Gruppi di Radio Popolare, partecipa
ad Arezzo Wave Love Festival,ed è finalista di Risonanze Unplugged e Biella Festival.
Nello stesso anno auto produce il demo omonimo che riscuote un certo successo di vendite e critica e le permette di alimentare la nicchia che la segue con attenzione ed entusiasmo.
Nel 2010 Ilaria decide di dare vita al disco di debutto “NEL MIO
DISORDINE” (etichetta Totally Unnecessary Records – distribuzione Audioglobe) con lo stesso approccio e la stessa filosofia musicale che l’ha portata a esibirsi in così tanti locali e con così tanto consenso in questi anni. Un percorso inverso, disordinato appunto, partito prima dal live e poi finito su disco.


Tutto questo.
E molto altro.

Ingresso sempre gratuito.

Per info e contatti:
hashtagpunto@gmail.com
http://www.hashtagpunto.com/
***************************************

Visit us
from 16 June to 8 September 2016

Weather

Reviews

Caricamento...
Caricamento...
In this area our partners offer: