Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

In visita a Maratea

Maratea PZ, Italia
Google+

Una visita al bellissimo centro storico di Maratea, alla scoperta delle tradizioni e del buon cibo!

Un itinerario che ci porta nelle zone più antiche della città di Maratea, attraverso un suggestivo susseguirsi di vicoli, angoli caratteristici, imponenti palazzi e splendide chiese, tra storia, religione, arte e tradizioni.

Il nostro itinerario parte da una famosa piazza di Maratea, P.zza Buraglia, da dove a pochi metri possiamo trovare la Chiesa dell'Addolorata. Da Largo Palazzo arriviamo in via Gafaro nei pressi dell'imponente Palazzo De Lieto, costruito agli inizi del XVIII sec. su uno sperone roccioso e destinato ad essere il primo ospedale di Maratea. Poco distante si trova il piazzale di S. Maria Maggiore dove si può ammirare la piazza antistante la Chiesa di S. Maria Maggiore, detta anche "Chiesa Madre".

Raggiungiamo ora la parte più antica del paese, passando per Via Santicelli, ripercorrendo quella che una volta era l'unica via di comunicazione tra il borgo originario e il nuovo insediamento più a valle. E' questo il tragitto percorso ancora oggi dalla Statua di San Biagio in occasione dei festeggiamenti in suo onore nel mese di Maggio.
Proseguiamo verso l'alto e girando verso sinistra, inerpicandoci su una stradina che fa angolo con Casa Calderano, arriviamo di fronte alla Chiesa di San Vito, la più antica di Maratea, risalente all'XI - XII sec.


Come si può visitare una città senza apprezzarne la gastronomia locale? Cosa si mangia a Maratea? Sicuramente le tradizioni di questa cittadina sono strettamente legate a quelle 'pugliesi', in virtù delle caratteristiche molto simili delle lavorazioni agricole - ceci, lenticchie, cardi, carciofi, asparagi di campo, piselli. Tra le produzioni tipiche si trovano: pane casereccio, cialde, pecorino e caciocavallo.

Info

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: