Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Borgo di Torre Alfina nei pressi di Acquapendente

Acquapendente VT, Italia
Google+

A meno di dieci chilometri dal Comune di Acquapendente, il Borgo di Torre Alfina rivive e valorizza la propria storia e le proprie potenzialità: aria buona, tanto verde e strutture culturali e ricettive.

Inserito tra i Borghi più belli d’Italia, al suo interno una serie di targhe in ceramica ricordano antichi siti, molti dei quali scomparsi mentre Chambre d’Amis, mostra permanente d’arte contemporanea all’aperto, ne valorizza gli angoli più suggestivi.

Nella piazza principale si erge la pittoresca Chiesa di S.Maria Assunta, in parte ricostruita e, di fronte, il piccolo giardino. Alle porte del paese si trova la Chiesa della Madonna del Santo Amore, dalla semplice facciata e dal caratteristico campanile.

Il paese confina con la Riserva Naturale Monte Rufeno alla quale si accede dalla piazza principale: all’interno della riserva si troca il Bosco del Sasseto, uno dei parchi monumentali d’Italia ed il Museo del Fiore con l’antico mulino ad acqua da poco ristrutturato.

La storia del borgo di Torre Alfina è tutt’uno con quella del suo castello, nato nell’Alto Medioevo attorno a una torre d’avvistamento già esistente. Monaldo Monaldeschi nei Comentari Historici fa risalire questi fatti alla dominazione longobarda di Desiderio, nell’VIII secolo. Gente di Valcelle, Meana e Montecuccione ripararono qui, attorno a una torre fatta in fortezza. La posizione strategica di questo borgo è evidente, essendo posto sul punto più estremo e più elevato dell’altopiano dell’Alfina.

Dall’alto dei suoi 602 metri sul livello del mare domina il paesaggio circostante a 360 gradi e per molti chilometri, praticamente inespugnabile. Non a caso, nel 1867 il generale Giovanni Acerbi, luogotenente di Garibaldi, lo scelse come quartier generale, ai confini dello stato pontificio, proprio per la sua posizione geografica tale da scoraggiare qualunque attacco.

Dobbiamo a Sforza Cervara, ex capitano di ventura, la ricostruzione in stile rinascimentale del primitivo castello medievale. Tuttora di questa è visibile parte del cortile interno, un’ala decorata con affreschi, oltre a parti d’arredo interni e stemmi della famiglia.

Quando Carlo Magno scese verso Roma, nell'809, passò da queste parti ed un suo fratello diede inizio alla famiglia dei Monaldeschi. Ben presto divennero temibili ed esuberanti, tanto che estesero il proprio dominio verso il Lazio impadronendosi anche di Torre Alfina e la dominarono, eccetto un breve periodo, fino al 1700 circa, quando la famiglia Monaldeschi si estinse.

Ai Monaldeschi della Cervara seguirono i marchesi Bourbon del Monte, in seguito al

Info

info@torrealfinablues.com
0652208255 | 800411834

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: