Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Sul luogo del delitto. Viaggio nelle leggende del Friuli Venezia Giulia

Friuli-Venezia Giulia, Italia
Google+

È, pare, una delle ultime tendenze vacanziere: partire alla scoperta del mistero e farcire gli itinerari di tappe più o meno sinistre. Ricco di castelli dal passato mitico e tenebroso, di dimore infestate da fantasmi dove risuonano cigolii sospetti e lamenti secolari, il Friuli Venezia Giulia è la meta ideale per i viaggiatori del brivido. Perla nera delle leggende locali è la Dama bianca del castello di Duino, arroccato su uno sperone carsico a strapiombo sul mare, con un panorama mozzafiato su tutto il golfo di Trieste. In un accesso di gelosia, si racconta, il signore del castello scagliò la sposa, la Dama bianca appunto, giù dalle mura. Precipitando, la donna si trasformò miracolosamente in roccia, assumendo le fattezze del masso bianco proteso sul mare nei pressi del castello. Si dice che lo spirito della dama, di giorno imprigionato nella roccia, vegli ogni notte nella camera dove dormiva la sua bambina. Un altro dramma d’amore ci porta invece nel cuore del Friuli Venezia Giulia, al castello di Villalta di Fagagna, in provincia di Udine. Munito di torre, mura merlate e ponte levatoio, il forte sarebbe stato il teatro di una passione infelice a metà fra storia e leggenda. Nel 1344 la bellissima Ginevra di Strassoldo sposò Odorico di Villalta. Ma prima che potesse raggiungere lo sposo, venne fatta prigioniera dal conte Federico di Cucagna, a cui la giovane era stata promessa. Secondo la leggenda, Federico non riuscì a usarle violenza perché Ginevra si trasformò in una statua di marmo. Accecato dall’ira Federico impazzì. Quando, dopo aver ucciso il Cucagna, Odorico ritrovò l’amata, la statua riprese fattezze umane. Ma l’amore di Ginevra e Odorico non era destinato alla felicità. Ritrovatisi, Odorico partì in battaglia e non fece più ritorno. Si racconta che Ginevra non abbia mai smesso di aspettarlo e che ancora oggi, nelle notti di luna piena, le sale del castello riecheggino dei delicati lamenti di questa dama bellissima e sfortunata incapace di darsi pace. Meno romantica ma molto fosca, la leggenda che aleggia sulla casaforte La Brunelde, sempre a Fagagna. Nelle stanze del fortilizio, si dice, si aggiri il fantasma di Marco d’Arcano-Moruzzo, vittima dei veneziani che nel 1420 conquistarono il Friuli. Prima che il suo castello capitolasse, il figlio Pileo riuscì a fuggire portando con sé il tesoro, che nascose nella vicina casaforte della Brunelde pensando di tornare successivamente a riprendersi i propri beni. La storia aveva piani diversi: Pileo non riuscì a fare ritorno, mentre Marco fu preso prigioniero e decapitato dai veneziani. Si dice che nella Brunelde si aggiri ancora il suo fantasma che, reggendo la testa sottobraccio, veglia sul proprio tesoro. Provare per credere: il castello di Villalta e la Brunelde sono oggi splendide dimore di charme, inserite nel Club di prodotto che l’Agenzia TurismoFVG dedica alle residenze storiche

Info

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: