Login Accedi ^
Italiano
Registrati
Registrati su Weekeep! Trova i tuoi amici di Facebook, organizza i tuoi viaggi e visita oltre 1.000.000 eventi in tutto il mondo!
Accedi con Facebook
Accedi con Google+
Facebook Google+
X
RISULTATI
MAPPA
DETTAGLIO
$mapTile_Titolo
$mapTile_Immagine
$mapTile_Indirizzo
$mapTile_LastMinute
$mapTile_Durata
Località
Dormire
Mangiare
Offerte Speciali
Eventi
Mostra tutte le 7 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 11 LOCALITAMostra meno località
Mostra tutte le 23 sistemazioniMostra meno sistemazioni
PREZZO : da € a
OSPITI :
CAMERE :
STELLE : da a
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie
Mostra tutte le 13 categorieMostra meno categorie

Visite guidate a Villa Imperiale 2012

Pesaro
Google+

Visite guidate a Villa Imperiale, Pesaro (Pesaro Urbino), fino al 26 settembre 2012, ogni mercoledì pomeriggio, si apre al pubblico la villa più bella del San Bartolo che deve il suo nome all’imperatore Federico III. 

Le visite guidate – in italiano, inglese, francese e tedesco – includono anche il tragitto in pullman e vanno prenotate presso Isairon.

Le visite sono previste ogni mercoledì pomeriggio alle 16 con partenza in pullman da piazzale della Libertà (di fianco agli uffici dello Iat Pesaro).

Per partecipare, è richiesta la prenotazione da fare presso lo Iat Pesaro oppure Isairon (ai recapiti segnalati).  

Il costo è di 12 euro. Le visite sono possibili in lingua italiana, inglese, francese e tedesca.


Villa Imperiale

Una delle più insigni del Rinascimento, Villa Imperiale deve il suo nome all’imperatore Federico III che sostò a Pesaro e che ne pose la prima pietra su invito di Alessandro Sforza: da allora è nota come Imperiale. I lavori si conclusero nel 1469. La parte più sorprendente dell’edificio dal punto di vista architettonico, è quella progettata dall’architetto urbinate Girolamo Genga (1476-1551) già dal 1523, per i duchi di Urbino Francesco Maria I Della Rovere ed Eleonora Gonzaga.

Francesco Maria I (1490-1538), figlio di Giovanni Della Rovere e di Giovanna Feltria, era stato adottato dallo zio Guidubaldo, duca di Urbino. Nel 1522, dopo sei anni di esilio (nel 1517 Leone X lo aveva destituito per insediare il nipote, Lorenzo de’ Medici), Francesco Maria rientra nel suo Stato e trasferisce la capitale da Urbino a Pesaro dove programma una serie di importanti lavori tra cui l’ampliamento di Villa Imperiale.

Il cantiere viene riaperto nel 1528: Girolamo Genga restaura la vecchia dimora sforzesca, in cui prevede anche la realizzazione di un ciclo di affreschi – affidati ad una équipe composta da Francesco Menzocchi, Raffaellino del Colle, Camillo Mantovano, i fratelli Dossi, il Bronzino ed altri – e progetta l’ala nuova. In questi anni Genga diventa l’interlocutore di fiducia della duchessa che segue i lavori durante le assenze del marito impegnato come Capitano per la Repubblica di Venezia.

In una iscrizione di Pietro Bembo si legge che la Villa Imperiale di Pesaro rappresentava un dono di Eleonora al duca, che qui avrebbe trovato riposo dopo le fatiche sofferte in battaglia. L’ala cinquecentesca, adagiata sul colle San Bartolo grazie a un sistema di terrazzamenti, presenta infatti una predominanza di spazi aperti: logge, giardini e cortili considerati luoghi ideali per gli ozi dei duchi e dei loro ospiti.

 

Strada San Bartolo, 63 - Pesaro (Pesaro Urbino).

 

Veniteci a trovare
dal 10 al 26 settembre 2012

Info

Che Tempo fa

Recensioni

Caricamento...
Caricamento...
In questa zona i nostri Partner offrono: